RUSSIA: Nuove restrizioni commerciali, cosa cambia nei carrelli

Da MOSCA – All’indomani delle sanzioni imposte dal blocco euro-atlantico alla Russia e dell’annuncio da parte di questa dello stop alle importazioni, già scompaiono dai supermercati della federazione le più comuni merci di provenienza europea. Nei carrelli ora troviamo vini e oli d’oliva georgiani, formaggi rigorosamente russi, frutta e verdura sudamericane e asiatiche. “Fino a poco tempo fa acquistavo sempre pomodori e arance provenienti dall’Italia perchè li ritengo i migliori, ma ora sono completamente stati ritirati dal mercato” spiega Sonija, studentessa dell’MGU (Università statale di Mosca).

I pochi prodotti italiani che persistono tra gli scaffali sono vini e oli, mentre la pasta sta via via lasciando il posto alla sua versione made in Russia. Tuttavia ora il prezzo di queste merci è aumentato in maniera esponenziale, costringendo i consumatori ad orientarsi verso i più convenienti prodotti russi o georgiani. Questo incremento dei prezzi non può che giovare alle aziende russe che ora vedono un incredibile aumento di vendite ad esempio del “Rossijskoe šampanskoe”, la versione russa dello champagne, che dell’originale ha ben poco. Di fronte ad uno scaffale di spumanti dove il prosecco italiano costa 450-500 rubli (attorno ai 10 euro) e lo champagne russo appena 160 rubli (circa 3 euro), la scelta per molti consumatori (soprattutto se poco esperti in materia di vini) diventa obbligata. Lo stesso vale per i bianchi e rossi da tavola italiani, francesi e spagnoli che si aggirano attorno ai 400 o 500 rubli e che cedono il posto nei carrelli agli innumerevoli vini provenienti dalle regioni del Caucaso, il cui prezzo rimane stabile sui 250 rubli. La nicchia dedicata ai vini europei negli scaffali tende ad assotigliarsi, mentre a farla da padrone sono proprio questi altri vini caucasici. Lo stesso succede per l’olio d’oliva: quello di marchio italiano supera i 500 rubli, mentre quello russo rimane intorno ai 100.

A soffrire di questa situazione sono, qui in Russia, soprattutto i numerosi ristoranti italiani, che non riescono più a procurarsi i più comuni formaggi italiani per servire i propri clienti.

Non è però solo il reparto alimentare quello a risentire di questa situazione, ma anche il settore dell’abbigliamento. Se già prima di questa crisi internazionale acquistare capi europei o americani in Russia voleva dire pagarli discretamente di più, ora i prezzi generalmente sono triplicati rispetto all’Europa.

La crisi economica non ancora superata sarà ancora più difficile ora da risanare. La Russia da sempre è stato un grande partner economico per l’Europa; perderlo ora che già il vecchio continente sta vivendo un periodo di recessione pericoloso, può soltanto peggiorare la situazione. Le restrizioni commerciali, che in Italia vanno a gravare sulle esportazioni, potranno solo causare un aumento della deflazione. Ancora una volta le mosse politiche internazionali hanno dimostrato di avere ben più di un risvolto nell’ambito socio-economico, e soprattutto se prese con troppa leggerezza e senza prevederne le conseguenze, possono portare a situazioni veramente critiche.

Chi è Martina Napolitano

Dottoranda in Slavistica presso l'Università di Udine e Trieste, per EaST Journal scrive principalmente di Russia e cura la rubrica Linguae.

Leggi anche

CULTURA: Il minareti e i campanili di Kazan’, la “capitale russa” del Tatarstan

Il Tatarstan è il territorio abitato da musulmani più a Nord del pianeta. Kazan’, la capitale della regione, è l’emblema di un incontro tra fedi e culture.

4 commenti

  1. …in realtà il vino, lo dico da abituale consumatore :), non ha conosciuto grandi variazioni di prezzo, mentre per il resto c’è un aumento considerevole. Bisognerà vedere se qualche produttore penserà a come fare formaggi e salumi in Russia, come del resto già accade con la famigerata mozzarella di Brjansk.

  2. Olio di oliva di produzione russa e georgiana?!
    Probabilmente lei parla di olio di oliva di sansa importato di contrabbando dall’Europa e magari imbottigliato in Russia….

  3. Non so dove abiti l’articolista, nella Russia centrale la pasta italiana si trova dovunque, Barilla, Agnesi, Divella, Buitoni…per ora non manca pratricamente nulla. Il vino italiano a 400 rubli non esiste in Russia, sono contraffazioni prodotte a Krasnodar. Finora l’unico prodotto che scarseggia sono le mele, ma solo nei centri di provincia. Certo i prezzi sono un pò aumentati, ma non quanto si dice, direi ad occhio del 5-10 per cento la frutta e la verdura, invariata la carne e le bevande. Per la Russia è un problema al momento attuale, ma un’opportunità in prospettiva. Il paese potenzialmente è in grado di produrre qualsiasi cosa, ma finora era più comodo vendere gas e pertolio e importare i prodotti di consumo. Adesso la Russia sarà costretta a modernizzare davvero la sua economia, e la cosa non potrà farle che bene.

  4. Personalmente egoisticamente parlando tutte le sanzioni han portato un grosso danno alla già disastrata economia europea per non parlare di quella italiana, le pesche mele kiwi piemontesi rispedire al mittente, tutti le aziende lombarde con accordi con la Russia sono in crisi, se il nostro mercato interno era fermo una speranza era il mercato russo il Made in italy è richiesto e serviva alle nostre finanze ma ora tutti gli accordi sono saltati.
    Per ora i vini si salvano ancora ma non si sa fino a quanto, le industrie dolciarie si preparavano per il natale vedi Ferrero….ecco un discorso di Salvini e Bonanno al parlamento europeo :

    http://www.lapadania.net/Detail_News_Display?ID=4215&typeb=0&Salvini-e-Buonanno-all-Europarlamento–No-sanzioni-alla-Russia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: