SLOVENIA: Aleksandrinke, slovene d’Egitto

di Federico Resler

La storia dell’emigrazione internazionale tra fine ‘800 e prima metà del ‘900 è ricca di aneddoti: comunità di veneti sbarcati in Papua Nuova Guinea, venduta loro come l’Eden; gruppi di anarchici europei espatriati in Sudamerica con il sogno di costituire piccole società agricole utopiche.

Una delle vicende più originali è senza dubbio quella di alcune ragazze slovene emigrate ad Alessandria d’Egitto: conosciute con il nome di “Aleksandrinke“, provenivano quasi tutte dalla zona del Collio goriziano. Umili e grandi lavoratrici trovarono occupazione come tate e governanti presso le ricche famiglie borghesi della città egiziana: una borghesia cosmopolita composta da banchieri ebrei, mercanti inglesi ed armatori francesi.

In breve tempo le domestiche slovene divennero richiestissime: dallo spiccato senso materno, erano l’ideale per crescere i piccoli rampolli dell'”Alessandria bene” e per fare le veci di madri spesso assenti. Alcune di loro tornarono in patria, altre rimasero in Egitto, mettendo su casa e dando vita ad una comunità meticcia arabo-slovena.

Dimenticata fino a qualche anno fa la storia delle Aleksandrinke è stata riscoperta grazie al lavoro della “Društvo za ohranjanje kulturne dediščine aleksandrink“, associazione culturale con sede a Prvačina costituita dalle discendenti delle emigranti.

Chi è Federico Resler

Leggi anche

A 100 anni dall’incendio fascista il Narodni Dom di Trieste restituito alla comunità slovena

Incendiato dai fascisti nel 1920 nella "notte dei cristalli" triestina, il Narodni Dom viene oggi ufficialmente restituito alla comunità slovena della città. L'incendio diede il via alle violenze fasciste e all'ascesa al potere di Mussolini. La sua restituzione, a un secolo di distanza, segna un importante traguardo nel riconoscimento dei diritti e delle persecuzioni ai danni della comunità slovena nell'area giuliana.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com