POLONIA: "Il vaccino contro la suina fu una truffa ai cittadini", parola di Eva Kopacz

Quando scoppiò l’allarme per l’influenza suina, una psicosi collettiva (alimentata dai media) ingrassò le casse delle multinazionali del farmaco. I vari Paesi fecero a gara per aggiudicarsi copiose scorte di vaccino, e troppo spesso la politica -invece di spegnere le paure ingiustificate dei cittadini- alimentò il panico. Ci fu però chi parlò chiaro, il ministro della salute polacco Eva Kopacz ufficializzò i propri dubbi inerenti ai vaccini messi in circolazione per contrastare il contagio da virus A/H1N1. E lanciò accuse pesantissime nei confronti dei colleghi dei paesi vicini. Accusò inoltre il World Health Organisation di avere dichiarato una falsa pandemia, per venire incontro agli interessi delle case farmaceutiche. Lo scorso 18 gennaio le sue accuse sono state riprese da Wolfgang Wodarg, ministro della salute del Consiglio d’Europa. Oggi la Kopascz parla apertamente di truffa e danni ai cittadini europei sottolineando che le statistiche riguardanti le morti causate dal virus h1n1 non autorizzerebbero affatto l’allarmismo venutosi a creare né la corsa all’immagazzinamento di milioni di dosi di vaccino.”Lo Stato polacco è molto saggio, i polacchi sanno distinguere la verità dalle balle con molta precisione. Sono anche in grado di distinguere una situazione oggettiva da una truffa”.Vedremo se l’Unione Europea reagirà.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore e curatore di "Ucraina, alle radici della guerra" (Paesi edizioni, 2022) e di "Interno Pankisi, dietro la trincea del fondamentalismo islamico" (Infinito edizioni, 2022); "Congo, maschere per una guerra"; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015); "Il pellegrino e altre storie senza lieto fine" (Tangram, 2013).

Leggi anche

cracovia polonia

POLONIA: Cracovia contro l’inquinamento, ma potrebbe non essere abbastanza

L'inquinamento atmosferico in Polonia ha raggiunto livelli da record e, per cercare di limitare i danni, Cracovia ha adottato una serie di misure e provvedimenti. Tutto questo, però, potrebbe non bastare.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com