KOSOVO: Junik, la città da un secolo senza omicidi

Junik è un piccola città nel sud-ovest del Kosovo lungo il confine montuoso con l’Albania. E’ popolata da circa 12 mila abitanti, ma molto apprezzata dai turisti svizzeri, tedeschi, polacchi, cechi ecc. Ma Junik offre alla storia non solo il turismo. La gente di questa città per secoli tiene un “segreto mistico”. La polizia e i tribunali sono le istituzioni che meno lavorano in questa città.

Junik è conosciuta non solo per il patrimonio culturale e il turismo, ma anche per il basso tasso di criminalità in questa piccola città. Escludendo le guerre negli ultimi 100 anni, come ricordato e come documentato, ci sono stati solo due morti accidentali e uno intenzionale. Il tenente Rasim Syla, il comandante della stazione di polizia di Junik ha detto al quotidiano di Pristina “Zeri.info” che gli agenti di polizia sono in “vacanza” presso il Comune. “Non ci sono incidenti che minano l’ immagine della legge e dell’ordine”, ha detto il tenente Syla.

La pittoresca città di Junik, per la sua sicurezza e la calda ospitalità della gente che si non trova in ogni paese, è stata meta di circa 6.000 turisti stranieri nel 2013. Il patrimonio culturale e il turismo si intrecciano e creano l’impressione di proteggersi l’un l’altro per secoli. La Kulla di Junik (abitazioni familiari fortificate, casa-fortezza tradizionali albanesi) resta impressa. Tuttavia è soprattutto la particolarità sociale di questa città che contrasta con l’opinione diffusa, in parte vera, sulla criminalità e la violenza nei paesi dei Balcani occidentali.

Chi è Lavdrim Lita

Giornalista albanese, classe 1985, per East Journal si occupa di Albania, Kosovo, Macedonia e Montenegro. Cofondatore di #ZeriIntegrimit, piattaforma sull'Integrazione Europea. Policy analyst, PR e editorialista con varie testate nei Balcani. Per 4 anni è stato direttore del Centro Pubblicazioni del Ministero della Difesa Albanese. MA in giornalismo alla Sapienza e Alti Studi Europei al Collegio Europeo di Parma.

Leggi anche

Marchand

CINEMA: “Sympathie pour le diable”, l’inverno di Paul Marchand a Sarajevo

Un film che ci riporta nei primi mesi dell'assedio di Sarajevo, sulle tracce del reporter francese Paul Marchand

Un commento

  1. Da che cosa diopende questa situazione?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: