REP.CECA: Große Koalition in salsa praghese

di Gabriele Merlini

Trattasi forse di licantropia politica ma quantomeno riconosciamo nella faccenda una dose apprezzabile di pragmatismo: a Praga l’accordo per la composizione del futuro consiglio comunale tra l’Ods [Občanská demokratická strana, il principale partito di centrodestra] e i socialdemocratici del ČSSD è stato raggiunto in piena notte, trasformando così una curiosa ammucchiata di individui scalpitanti in una ordinata Große Koalition che -se anche durerà un mese- quantomeno all’alba può presentare il tratto distintivo dell’equilibrio.

I fatti: le elezioni locali di metà ottobre [ne abbiamo trattato qui], tornata nella quale è stato un terzo partito a risultare vincitore in città [il Top09 del ministro degli esteri Karel Schwarzenberg, centrodestra dunque alleato con l’Ods e Věci veřejné nel governo Nečas] hanno decretato un sostanziale equilibrio nei voti capace di generare alcune turbolenze e le fisiologiche battaglie per la prevaricazione. Tuttavia dopo i sempre presenti tempi tecnici per scannarsi e accorparsi, alle prime luci di martedì la creatura è stata mostrata alla cittadinanza: cinque seggi andranno all’Ods, cinque al ČSSD. L’Ods gestirà le politiche di sviluppo urbanistico, il ČSSD i trasporti. Il nuovo sindaco di Praga sarà probabilmente Bohuslav Svoboda dell’Ods, ginecologo dunque con una certa familiarità nei travagli [quello della notte scorsa non è stato un parto facilissimo, battono le agenzie-stampa], destinato a sostituire Pavel Bém, primo cittadino in carica dal 2002 [rieletto nel 2006] e celebre per i ripetuti screzi con l’ex premier Topolánek con il quale condivide il partito ma ben pochi punti di vista; resterà invece fuori dal consiglio cittadino il vertice del ČSSD praghese Petr Hulinský.

Top09 -movimento di successo in città e con sede in un invidiabile palazzo lungo Karmelitská- ha rifiutato il seggio proposto ma ha guidato le danze nelle nomine e continuerà a mantenere un deciso potere nella politica locale. Sull’accordo tra partiti di colore opposto nella gestione della capitale si è naturalmente espresso anche il Presidente della Repubblica Václav Klaus da un forum economico cui si trovava, ricordando a chiunque avesse avuto moti di stizza inerenti il matrimonio combinato tra Ods e ČSSD che simili ibridi sono stati avvistati anche in altre città di rilievo come Brno, Ostrava e Plzeň; viceversa piuttosto critici si sono detti i leader dei partiti nazionali convolati a nozze in politica locale, Petr Nečas e Bohuslav Sobotka. Va tuttavia specificato che Klaus mostra da anni una sensibilità spiccata per la Große Koalition poiché in una di esse si infilò nel lontano 1998 quando -da capo dell’Ods e Presidente della Poslanecká sněmovna, la Camera Bassa, stipulò un accordò con l’allora premier socialdemocratico Miloš Zeman al fine di mantenerne in vita il governo e scortarlo più o meno in salute fino alla scadenza elettorale del 2002, quando divenne premier [in un altro governo di coalizione] Vladimír Špidla.

La nuova giunta praghese, prima di diventare operativa, dovrà essere approvata dalla sessione costituente della nuova assemblea cittadina; le date ancora non sono state comunicate ma la pratica dovrebbe essere conclusa tra la fine di novembre e la prima settimana di dicembre.

Chi è Gabriele Merlini

Leggi anche

Růžový tank_carro armato rosa

REP. CECA: David Černý o l’arte di dipingere di rosa un carro armato sovietico

L’arte ceca vanta uno degli artisti contemporanei più controversi: David Černý, che ha avuto il coraggio di dipingere un carro armato sovietico di rosa. Passeggiando per Praga, si possono ammirare moltissime opere dello scultore che accendono la curiosità dei passanti.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com