DAGHESTAN: Estremisti in Siria coi ribelli? Si annuncia una stretta sui passaporti

Il Daghestan, repubblica autonoma delle Federazione Russa ha, dal 22 luglio scorso, un nuovo capo del governo, anche lui, però, come il presidente Ramazan Abdulatipov, solo in qualità di incaricato pro-tempore. Si tratta di Anatolij Karibov, già vicepremier.

Abdulatipov ha accusato il precedente governo di “inefficienza”.Due giorni prima, il 19 luglio, Abdulatipov, durante una riunione della Commissione antiterroristica, aveva criticato le strutture preposte all’ordine pubblico perchè „incapaci di impedire la partecipazione di residenti del Daghestan al conflitto armato in Siria”. Questi „residenti” sarebbero sostenitori di coloro che in Siria combattono il presidente Bashar al-Assad, e si recherebbero nel paese medio-orientale contro la volontà del governo daghestano (e quindi di quello russo) che invece parteggia per Assad. Insomma, ci sarebbe un riflusso di estremisti „wahhabiti” dal Daghestan verso la Siria, come in passato si parlava di „wahhabiti” che arrivavano in Daghestan da diversi paesi musulmani, arabi e non.

Noi – ha detto il presidente provvisorio con una punta di ironia – da tempo stiamo discutendo la lotta al terrorismo ed abbiamo ottenuto dei „grandi risultati”: siamo diventati fornitori di estremisti a tutta la Russia. Ed ora li esportiamo anche fuori dei confini del paese. L’unico „prodotto” che esportiamo all’estero è l’estremismo. Già lo stiamo incoraggiando, nelle scuole, nelle università, nei villaggi. E sembra che nessuno sia responsabile per questo, nè l’insegnante, nè il direttore della scuola, né il decano, né il rettore, né, tanto meno, il poliziotto”.

Così si espresse Abdulatipov alla seduta della commissione. Egli aggiunse che l’estremismo e il terrorismo prospereranno finchè la società reagirà con indifferenza, ed anche „finché non incominceranno a funzionare non solo l’MVD e l’FSB, ma tutta la struttura preposta all’ordine pubblico, compresa quella giudiziaria”.

A sua volta il capo della sezione daghestana dell’FSB russa, Andrej Konkin, ha informato la riunione che in Siria si trovano „circa 200 residenti del Daghestan, alcuni dei quali, integrati nei gruppi di banditi che prendono parte alla lotta contro il governo di questo paese”. Secondo i dati forniti da Abdulatipov, in Siria sono andati a combattere in massima parte persone provenienti dai distretti daghestani di Babajurt, Botlikh, Bujnaksk, Gunib, Derbent, Kiziljurt, Levašinsk, Untsukul, Khasavjurt, Kizljar, Tsumada, Tsunt, Agul, Akhtyn, Kul, Sulejman-Stalskij, cioè praticamente da tutto il paese.

Abdulatipov ha raccontato che i giovani si recano in Siria col pretesto dello studio, del lavoro, ma „di fatto si associano ad ogni sorta di organizzazioni terroristiche”. Ciò è vero soprattutto per coloro che hanno studiato negli istituti teologici di Siria, Arabia Saudita e Malaysia. Il capo provvisorio del Daghestan ha sottolineato che „d’ora in avanti senza un’indagine preventiva, a nessuno, da qualsiasi famiglia provenga, si deve rilasciare un passaporto per l’estero. Egli ha insistito a esprimere insoddisfazione per il lavoro sviluppato in questa direzione dagli organi preposti all’ordine pubblico.

Foto: Bolshakov, Flickr

Chi è Giovanni Bensi

Nato a Piacenza nel 1938, giornalista, ha studiato lingua e letteratura russa all'Università "Ca' Foscari" di Venezia e all'Università "Lomonosov" di Mosca. Dal 1964 è redattore del quotidiano "L'Italia" e collaboratore di diverse pubblicazioni. Dal 1972 è redattore e poi commentatore capo della redazione in lingua russa della radio americana "Radio Free Europe/Radio Liberty" prima a Monaco di Baviera e poi a Praga. Dal 1991 è corrispondente per la Russia e la CSI del quotidiano "Avvenire" di Milano. Collabora con il quotidiano russo "Nezavisimaja gazeta”. Autore di: "Le religioni dell’Azerbaigian”, "Allah contro Gorbaciov”, "L’Afghanistan in lotta”, "La Cecenia e la polveriera del Caucaso”. E' un esperto di questioni religiose, soprattutto dell'Islam nei territori dell'ex URSS.

Leggi anche

Mkhitaryan

CAUCASO: Caso Mkhitaryan, tra sport e politica

Il giocatore armeno dell’Arsenal, Henrikh Mkhitaryan, ha rinunciato a partecipare alla finale di Europa League a Baku il prossimo 29 maggio. Un'analisi sulle reazioni che la notizia ha causato nel Caucaso e sulla stampa internazionale.

Un commento

  1. Articolo interessante.
    Grazie