RUSSIA: Manifestazioni contro Putin a Mosca, il Cremlino accusa Washington

L’opposizione contraria a Putin è tornata in piazza a Mosca e San Pietroburgo per chiedere la liberazione di dodici dimostranti, considerati “prigionieri politici” dagli oppositori, arrestati a seguito dei disordini del 6 giugno 2012, alla vigilia del ritorno di Vladimir Putin al Cremlino. Le opposizioni hanno scelto la data del 12 giugno, giornata in cui si commemora la nascita della “nuova” Russia post-sovietica. La “marcia contro i carnefici” raduna tutte le opposizioni extra-parlamentari, le uniche vere opposizioni in un regime di democrazia controllata, e in testa alla marcia c’era il blogger Alexei Navalny, figura di spicco tra le voci critiche verso il presidente, che nei giorni scorsi ha annunciato l’intenzione di correre per la poltrona di sindaco di Mosca.

Il Cremlino, come ormai fa abitualmente, accusa Washington di finanziare queste opposizioni che si fanno portatrici della difesa dei diritti umani e della democrazia ma che, secondo Putin, sono il paravento degli interessi politici americani tesi a destabilizzare una Russia che si sta facendo concorrenziale rispetto agli interessi statunitensi. Per questa ragione Putin ha già tradotto in legge la norma che obbliga le organizzazioni non governative che ricevono fondi dall’estero e si occupano di politica a registrarsi come “agenti stranieri”, con un termine che rimanda all’epoca sovietica.

La paranoia di Putin non è forse infondata. Se guardiamo alle “rivoluzioni colorate” dell’Ucraina o della Georgia, ma anche alle “primavere arabe” del Nordafrica, ci accorgiamo che una serie di fondazioni, organizzazioni, think tank vicine a figure di spicco della politica americana, hanno finanziato le proteste quando non “educato” alle pratiche di rivolta civile. Tutto in nome della democrazia liberale: obiettivo condivisibile, per carità. Ma Putin, che abbia ragione o torto, è a quelle “rivoluzioni” che guarda quando accusa di ingerenze gli Stati Uniti.

Lo “zar” Putin dimentica però che proprio grazie allo sviluppo economico conosciuto sotto il suo regime si è formata, specie nelle grandi aree metropolitane, una classe media colta e “occidentale” che mal sopporta la stretta di Putin e che avrebbe preferito “un putinismo senza Putin”. E’ quella classe media che oggi lo critica, al di là di qualsiasi accusa di ingerenza straniera.

(FOTO: REUTERS / SERGEI KARPUKHIN)

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore e curatore di "Ucraina, alle radici della guerra" (Paesi edizioni, 2022) e di "Interno Pankisi, dietro la trincea del fondamentalismo islamico" (Infinito edizioni, 2022); "Congo, maschere per una guerra"; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015); "Il pellegrino e altre storie senza lieto fine" (Tangram, 2013).

Leggi anche

Russia e Ucraina. Piazza Bolotnaya e il Maidan, due rivoluzioni di diverso esito

12 anni fa, il 6 maggio 2012, fra la piazza e la sua gente, solo la Moscova. 12 anni dopo, la rivoluzione è rimasta sbiadita e Piazza Bolotnaya, solo una piazza.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com