CINEMA: Mestorozhdenie, la Siberia tra renne e oleodotti

Per Vassily e Svetlana Piak, allevatori di renne, il loro angolo di Siberia è Mestorozhdenie – luogo di nascita, terra natale. Ma  per i vicini ingegneri della raffineria petrolifera, la taiga e i laghi del bacino del fiume Ob non sono che un campo petrolifero come altri. In soli 26 minuti, il regista Ivan Golovnev mostra lo scontro lento tra tradizione e modernità, ai confini dell’artico, dove si estrae l’oro blu che attraverso le pipeline di Gazprom arriva ad accendere le nostre lampadine europee.

Golovnev, vissuto tra Omsk e Ekaterinburg, conosce bene la Siberia. Il suo è un cortometraggio senza particolari dialoghi. A dare il ritmo, oltre alle stagioni, sono le poesie in russo di Vassily, che testimoniano la tradizione di un mondo dove la renna è ancora tutto, ma i gatti delle nevi stanno prendendo il loro posto.

Mestorozhdenie è un film che richiama all’importanza del rispetto dei diritti dei popoli indigeni su un territorio che rappresenta non solo una fonte di sostentamento, ma di identità stessa e di vita. E allo stesso tempo, mette alla luce come la conservazione della tradizione non può essere puro immobilismo.

[sz-youtube url=”http://www.youtube.com/watch?v=4wBpJ5YQNOQ” /]

Mestorozhdenie è stato presentato nella sezione Terre Alte del 61° Trento Film Festival della Montagna 2013.

Chi è Davide Denti

Dottore di ricerca in Studi Internazionali presso l’Università di Trento, si occupa di integrazione europea dei Balcani occidentali, specialmente Bosnia-Erzegovina.

Leggi anche

Marchand

CINEMA: “Sympathie pour le diable”, l’inverno di Paul Marchand a Sarajevo

Un film che ci riporta nei primi mesi dell'assedio di Sarajevo, sulle tracce del reporter francese Paul Marchand

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: