L'ostello per scrittori di Yurij Andruchovyc

di Giovanni Catelli

Yurij Andruchovyc è uno scrittore ucraino, precisamente di Ivano-Frankivsk, Ucraina occidentale, quella parte del Paese tradizionalmente orientata verso la mitteleuropa, a poche leghe da Tarnopil e da Leopoli, da Bucovina e Galizia, dove si muovono i personaggi di Roth e Rezzori, regioni letterariamente felici, eternamente di confine, tra gli imperi austro-ungarico e russo : da questo terreno fertile, dove la storia ha imperversato con violenza nel corso del Novecento, non potevano che nascere, sotto la cappa sempre meno opprimente dell’impero sovietico in disgregazione, voci suggestive, capaci di rendere al lettore occidentale l’atmosfera peculiare di quegli anni e di quei microcosmi, ove una cultura originale tentava sino a riuscirci di sfuggire anche linguisticamente a una dominazione ormai insostenibile. Andruchovyc, poeta e romanziere dei più significativi, molto amato in patria e apprezzato particolarmente in Germania, dove soggiorna a lungo, ci dona con il suo “Moscoviade” il ritratto dettagliato e sincero di un ostello per scrittori a Mosca, al tramonto dell’impero.

 

Lo scrittore Yurij Andruchovyc

 

Dalle piccole vessazioni quotidiane che assillano i giovani scrittori, sino alle scene da grand-guignol in cui si dibattono i custodi del potere ormai vacillante, la scrittura dell’autore alterna esatta precisione nel descrivere la crudele quotidianità sovietica, e potenza visionaria nel rappresentare la boria e il delirio d’onnipotenza di un apparato già agonizzante, eppure ancora minaccioso. Queste pagine ci donano con immediatezza la realtà e il fascino delle epoche di transizione, ci fanno comprendere come nelle singole azioni d’ogni giorno il grande impero fosse spacciato, e fallito il suo tentativo di riunire e rappresentare culture eterogenee : ci confermano nella speranza che nazioni e culture come quella ucraina possano trovare ora, dopo la conquistata indipendenza politica, nuove linfe e fioriture.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi è Giovanni Catelli

Giovanni Catelli è nato a Cremona. Autore di prosa e poesia, i suoi racconti sono apparsi sul sito letterario Nazioneindiana, sulla Nouvelle Revue Francaise, sul Corriere della Sera e sulle riviste L’Indice, Diario, L’Immaginazione. I suoi libri sinora pubblicati sono: In fondo alla notte (Solfanelli, 1992), Partenze (Solfanelli, 1994), Geografie (Manni, 1998), Lontananze (Manni, 2003), Treni (Manni, 2008). Geografie, con una prefazione di Franco Loi, è stato tradotto in Ceco, Russo e Ucraino. Altri racconti sono stati tradotti e pubblicati in Ceco, Slovacco, Russo e Finlandese. Collabora con l'Indice dei Libri, la rivista praghese Babylon e dirige Cafè Golem, la pagina culturale di Eastjournal.net.

Leggi anche

UCRAINA: Scambio di prigionieri con Mosca, ma a che prezzo?

Il 7 settembre è stato effettuato uno scambio di prigionieri politici tra Kiev e Mosca, ma l'accordo “35 per 35” non sembra aver garantito una parità di condizioni. A che punto sono ora le relazioni tra i due paesi?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: