BIELORUSSIA: Minsk rompe i rapporti con Stoccolma

È gelo totale tra Bielorussia e Svezia. Tutto è iniziato lo scorso 3 agosto, quando Andrej Savinykh, addetto del Ministero degli Esteri bielorusso, ha annunciato l’allontanamento dal paese dell’ambasciatore svedese Stefan Ericsson, colpevole, secondo le autorità, di sostenere alcuni gruppi di attivisti antigovernativi che chiedono un maggior rispetto per i diritti civili e per la libertà di stampa. Ericsson, ambasciatore a Minsk dal 2008, è da sempre stato uno dei più grandi sostenitori del Partenariato Orientale dell’Unione Europea, progetto che punta ad integrare nell’Unione tutti quei paesi dell’Europa Orientale ex-URSS che ancora non ne fanno parte. Oltre ad essere un europeista convinto, Ericsson, durante il suo mandato al Consolato di Minsk, è stato inoltre uno dei più grandi promotori della cultura bielorussa, organizzando eventi e spettacoli. Ma in Bielorussia tutto, dalle radio alle televisioni, è monitorato dal governo, e di conseguenza chiunque provi a esprimere una voce critica entra in conflitto con questo sistema. Per questo una figura così liberalista come Ericsson non è mai stata ben vista da Lukashenko, presidente bielorusso in carica dal 1994, il quale ha deciso di sollevarlo dall’incarico e mandarlo a casa, in quanto ritenuto potenzialmente pericoloso per il paese.

Ma la storia non finisce qui. Il giorno seguente, un’agenzia pubblicitaria svedese, in risposta e come segno di protesta alla cacciata di Ericsson dal proprio ruolo di ambasciatore, partendo con un aereo da Vilnius, è riuscita a beffare l’aviazione bielorussa, arrivando fino alle porte della capitale Minsk, facendo piovere dal cielo 800 orsacchiotti di peluche, ognuno contenente un messaggio a favore della libertà di espressione. Lukashenko, costretto ad ammettere l’accaduto tra l’imbarazzo generale del governo, ha immediatamente licenziato il comandante delle Forze Aeree ed il comandante della Difesa, colpevoli di non aver svolto a dovere il proprio lavoro.

La pessima figura rimediata dal paese in questa occasione ha così convinto il presidente bielorusso a cacciare tutto il personale diplomatico svedese presente a Minsk, ritirando inoltre l’ambasciatore bielorusso a Stoccolma, interrompendo di fatto ogni rapporto diplomatico tra i due paesi.

Non è la prima volta che Lukashenko sale alla ribalta della cronaca per azioni di questo genere. Nel 1998, il presidente bielorusso fece espellere dal paese gli ambasciatori di Francia, Germania, Italia, Stati Uniti, Gran Bretagna, Grecia e Giappone, accusati dal governo di aver tentato di organizzare una cospirazione contro di lui. Le sanzioni che fecero seguito a tale mossa non si fecero attendere, così Lukashenko accusò l’Occidente di voler escludere la Bielorussia dalla scena internazionale, congelando in tal modo i rapporti con Europa e Stati Uniti.

Cosa ne sarà allora dei rapporti tra Bielorussia e Svezia? Il problema che si pone rischia di avere un margine ben più ampio di quanto non possa sembrare, poiché non si tratta solo di un problema tra Minsk e Stoccolma, ma bensì di una crisi diplomatica che potrebbe coinvolgere l’intera Unione Europea, la quale ha sempre avuto rapporti complicati con Lukashenko e il suo governo. Se si andrà avanti di questo passo sarà difficile ipotizzare nell’immediato futuro un miglioramento dei rapporti tra l’UE e la Bielorussia, in quanto le due parti non sembrano avere punti d’incontro.

Quello che è certo è che, fino a quando Lukashenko rimarrà fermo sulle sue convinzioni, difficilmente la posizione della Bielorussia nei confronti dell’Unione Europea potrà cambiare, destinando così questa piccola “guerra fredda” a durare per ancora parecchio tempo.

Chi è Emanuele Cassano

Ha studiato Scienze Internazionali, con specializzazione in Studi Europei. Per East Journal si occupa di Caucaso, regione a cui si dedica da anni e dove ha trascorso numerosi soggiorni di studio e ricerca. Dal 2016 collabora con la rivista Osservatorio Balcani e Caucaso.

Leggi anche

Solovki, la natura incontaminata in cui si incontrano spiritualità russa e Gulag

Non solo Mosca, San Pietroburgo e la Siberia: lo spirito della Russia si nasconde in ogni angolo del suo territorio sterminato. Tra questi “angoli” c’è anche Solovki, un arcipelago dove la civiltà incontra la natura incontaminata e dove il passato più remoto della spiritualità russa ha incrociato la tragedia dei Gulag.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: