Lituania Russia

L’INTERVISTA: Il vice ministro lituano Adomėnas: “Putin vuole rioccupare i Paesi baltici”

di Marina Macrì (LithuanianStories)

Essere europei, soprattutto dopo l’invasione dell’Ucraina, pone diversi interrogativi e mette in risalto quanto può essere difficile per noi paesi a ovest capire le posizioni di quelli che si trovano a est. Come vive questa situazione la Lituania, che per posizione geografica è il confine nord orientale dell’Unione Europea e si trova di fatto circondato dalla Federazione Russa e da paesi sotto il suo controllo?

La Lituania confina a est con l’exclave russa di Kaliningrad, una piccola regione che nel corso degli anni è diventata una base militare armata “fino ai denti”. Non si hanno conferme, ma potrebbero esserci anche missili con testata nucleare. A sud ovest invece c’è la Bielorussia. Un paese che dopo le proteste scoppiate a seguito delle contestate elezioni del 2020 e la repressione contro ogni forma di dissidenza avviata da Lukashenko, si è sempre più avvicinata a Mosca. Dal territorio bielorusso passano mezzi e truppe russe che vanno a combattere in Ucraina. Lukashenko non è ancora ufficialmente entrato in guerra al fianco della Russia, ma è lecito chiedersi quanto sia ancora un paese sovrano, o sia oramai nelle mani di Putin.

L’unico confine lituano con l’Europa è il confine sud, quello con la Polonia. Una striscia di terra di poco più di 100 chilometri. Il punto debole dell’Europa e della NATO.

Abbiamo sentito Mantas Adomėnas, vice ministro degli Esteri della Lituania di cui pubblichiamo l’intervista di seguito, e Andrea Griffante, storico ricercatore dell’Istituto Lituano di Storia con sede a Vilnius, la cui intervista sarà on line nei prossimi giorni.

L’incontro con il segretario di Stato Blinken

Adomėnas ci accoglie nel suo ufficio nel ministero. Sono giorni concitati. Le riunioni e le interviste si susseguono una dietro l’altra. Il giorno prima del nostro incontro è arrivato in Lituania il segretario di Stato americano Blinken: “Ho partecipato al colloquio assieme al nostro primo ministro Ingrida Šimonytė e al ministro degli Esteri Gabrielius Landsbergis. Abbiamo parlato di diverse questioni in modo molto concreto e pragmatico. Tra gli argomenti c’era la difesa degli stati baltici e della Lituania in particolare, ma anche le sanzioni alla Russia e l’assistenza militare ed economica all’Ucraina”.

Adomėnas: “Putin vuole rioccupare gli Stati baltici”

La Lituania è consapevole che potrebbe essere il prossimo obiettivo della Russia: “Non c’è un pericolo immediato. Questo non significa che la situazione possa cambiare nel giro di pochi mesi, un anno o due, perché Putin, e questo è oramai chiaro, non è più un attore razionale e la Russia di Putin è uno stato canaglia. Ha visioni deliranti che mirano a ricreare l’impero sovietico e questo comporta annettere e rioccupare gli Stati baltici”. Paragona Putin a Hitler.

Il nemico non è la Russia ma il suo governo

Nelle parole di Adomėnas, tuttavia, c’è molta attenzione a non attaccare la Russia, bensì il regime di Putin, il Cremlino. Una attenzione non casuale. In Lituania c’è una comunità russa abbastanza grande, non come in Lettonia o in Estonia, ma comunque consistente. Una comunità perfettamente integrata che è stata chiamata in causa dal presidente Nausėda nei primi giorni di guerra. Ha esortato i russi lituani a non essere spettatori passivi, ma a sostenere l’Ucraina contro l’aggressione del regime di Putin.

L’invasione temuta fin dal 2008

La Lituania e gli altri Stati baltici, afferma il vice ministro, in passato sono stati considerati delle ‘Cassandre’. “Nella primavera del 2008, quando Georgia e Ucraina si sono viste negare il piano di adesione alla NATO”, continua Adomėnas, “dicemmo che questo significava mandare un chiaro segnale di incoraggiamento alla Russia per l’invasione. E nell’estate del 2008 la Georgia è stata invasa. Affermavamo che l’Ucraina sarebbe stata la prossima. E l’Occidente negava. Nel 2014 è successo. Dobbiamo fermarli, insistevamo, ma non siamo stati ascoltati. La guerra in Ucraina è la risposta”.

“Serve una difesa permanente nel territorio”

Ora la Lituania e gli altri Stati baltici chiedono maggiore supporto. “Dobbiamo ottenere non solo deterrenza, non solo garantire sicurezza, è necessario avere anche una difesa permanente nel territorio dei Paesi baltici, della Polonia e altri. Tutto ciò ora è preso molto sul serio. Abbiamo imparato che paesi che hanno regimi come quello del Cremlino riconoscono solo dimostrazioni di forza e dobbiamo essere preparati”.

L’invito all’ambasciatore: “Si dissoci da un regime criminale”

La piazza dove si trova l’ambasciata russa a Vilnius ha cambiato nome nei primissimi giorni della guerra. Oggi si chiama piazza degli Eroi dell’Ucraina. Il vice ministro ha incontrato l’ambasciatore proprio nella stanza dove si è svolta la nostra intervista: “Ho consegnato all’ambasciatore una protesta ufficiale da parte della Lituania in merito all’invasione. Era una protesta molto dura, di totale condanna”. Adomėnas ha anche esortato l’ambasciatore a reagire per non rendersi complice di un regime criminale e omicida. Quello di Putin. “I funzionari dello Stato russo devono scegliere da che parte stare perché continuando a non prendere posizione saranno complici di un regime criminale”.

L’exclave di Kaliningrad fa paura 

Le preoccupazioni sono molte ma la Lituania è consapevole che la sua posizione è diversa da quella ucraina. Fa parte della NATO ed è membro dell’Unione Europea. “Il problema è la presenza militare russa, il deposito militare a Kaliningrad, zeppo di armamenti”, spiega il vice ministro, “la Bielorussia ospita molte unità che stanno portando la guerra in Ucraina. Ucraina e Bielorussia potrebbero di fatto essere sotto occupazione militare russa. Questo aumenta la posta in gioco e rappresenta un alto livello di minaccia. Stiamo lavorando con i partner della NATO, e ci stiamo anche preparando a difendere i nostri territori e la popolazione”.

Priorità alla pressione sul Cremlino per fermare la guerra

“Il nostro obiettivo e di tutti i paesi democratici ora”, conclude Adomėnas, “è fermare la guerra e prevenire ogni sofferenza, cercando di indebolire la Russia di Putin, creando corridoi umanitari e rifornimenti di cibo, trovando luoghi dove sistemare i profughi, aiutando i bambini e dar loro modo di andare a scuola. Questa è la priorità. Tutti insieme dobbiamo fare pressione alla Russia per fermare l’invasione dell’Ucraina”.

Immagine: Mantas Adomėnas in un discorso alla cerimonia di consegna dei diplomi dell’European Humanities University (dal profilo facebook di European Humanities University)

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

Dnipro

La tragedia di Dnipro usata per colpevolizzare gli ucraini

La tragedia di Dnipro usata per colpevolizzare gli ucraini, il solito copione già visto che fa ricadere le responsabilità russe su Kiev...

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com