”Euro, non siamo pronti ma ci farà bene”: sondaggio nell’est fuori dall’Eurozona

Sondaggio tra i cittadini Ue dell’est fuori dall’Eurozona: sono convinti dei vantaggi dell’euro ma non si sentono pronti ad adottarlo

Non siamo pronti ad adottare l’euro, ma se un giorno dovesse arrivare ci porterà dei benefici: secondo un recente sondaggio è in sostanza quello che pensano della moneta unica i cittadini dei paesi dell’Est che fanno parte dell’Unione europea ma non dell’Eurozona. L’inchiesta è stata condotta dall’istituto ungherese Republikon, e ha interessato Bulgaria, Repubblica Ceca, Croazia, Ungheria, Polonia e Romania, oltre alla Svezia, altro paese Ue che non adotta l’euro.

“Non siamo pronti”

La percentuale più alta di scettici sulla capacità di incassare senza troppi problemi l’adozione dell’euro si riscontra nella Repubblica Ceca, dove arriva al 78% degli intervistati. Una percentuale alta anche in Polonia, dove arriva al 75%. In questo caso c’è preoccupazione dappertutto, visto che il dato più basso è il 62% della Croazia.

I cechi sono i più scettici sull’arrivo dell’euro

Il 77% dei croati e il 62% dei bulgari si aspetta l’euro entro cinque anni: percentuale giustificata dal fatto che in Croazia la moneta unica dovrebbe essere adottata il primo gennaio 2023, mentre in Bulgaria l’anno successivo. Nonostante ciò, il 14% dei bulgari e il 7% dei croati qualche giorno fa hanno risposto che da loro non sarebbe mai arrivato l’euro. Almeno il 40% di cechi, ungheresi, polacchi e rumeni si aspettano di pagare in euro entro dieci anni, mentre la percentuale più alta di scettici è nella Repubblica ceca: il 38% pensa che non arriverà mai la moneta unica, cosa che pensa anche il 31% dei polacchi.

I bulgari sono i meno ottimisti sui vantaggi

Chi vede di buon occhio l’arrivo dell’euro è solitamente in maggioranza, anche se in Bulgaria è testa a testa: i bulgari che si aspettano effetti positivi sono il 45% contro il 44% di quelli che attendono riscontri negativi. Fa eccezione la Repubblica Ceca: il 60% dei cechi pensa che avrà risvolti negativi. Ungheresi e rumeni sono quelli che si aspettano benefici più di altri: il 64% contro il 26% tra i magiari, e 71% contro 26% in Romania.

Tutti si aspettano l’aumento dei prezzi

Pressoché unanime è invece il giudizio sull’aumento dei prezzi. In Bulgaria, Repubblica Ceca e Croazia chi pensa che saliranno è tre volte superiore a chi crede che si stabilizzeranno. Risibile ovunque la percentuale di chi ritiene che con l’euro potrebbero diminuire i prezzi o al limite non ci sarà nessun effetto.

Chi è Andrea Rapino

Nato nel 1973 a Lanciano, in Abruzzo, dove vive e lavora come giornalista professionista, si è laureato in Storia a Bologna con una tesi sulla letteratura serba medievale, e ha frequentato la scuola di giornalismo dell'Università di Roma - Tor Vergata. Si occupa di cronaca, sport e cultura per diverse testate locali. Ha iniziato a scrivere per East Journal dal dicembre 2021.

Leggi anche

Visegrad

C’era una volta il gruppo Visegrad, come la guerra ha cambiato l’Europa orientale

La guerra in Ucraina ha avuto ripercussioni in Europa orientale, modificando alleanze e isolando l'Ungheria. Quale futuro per il gruppo Visegrad?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com