GEORGIA: Le amministrative premiano Saakashvili

Gigi Ugulava è stato rieletto sindaco di Tbilisi. La poltrona di primo cittadino della capitale georgiana è la più importante del voto amministrativo di domenica scorsa per l’elezione di 64 consigli municipali in carica per i prossimi quattro anni. Ugulava è leader del Movimento Nazionale Unito e la sua vittoria è un successo per Saakashvili e un segno che il sostegno al governo rimane forte. Tbilisi è il luogo nel quale tutto succede, muscolo pulsante del paese, raccoglie circa un milione dei quattro e mezzo di georgiani.

Il grande sconfitto è Irakli Alasania detto “l’americano” già ambasciatore alle Nazioni Unite, posizione abbandonata per contrasti con l’ex alleato Saakashvili. La sua coalizione “Alleanza per la Georgia” non è riuscita a conquistare simpatie: l’opposizione al governo rimane frammentata e senza una reale alternativa. L’esperienza americana di Alasania si è tradotta in uno scimmiottare gli slogan di Obama con un vincente “We Will Change” che poi vincente non è stato.

L’opposizione ha subito riconosciuto la sconfitta e già guarda alle elezioni politiche del 2012 . Nessuna intenzione di portare la protesta nelle strade. Una strategia quest’ultima che non si è rivelata vincente la scorsa primavera quando l’opposizione bloccò per settimane il centro di Tbilisi chiedendo le dimissioni del presidente. Non ottenne risultati: Saakashvili non si dimise, l’opposizione si frantumò per mancanza di proposte concrete e gli automobilisti della capitale s’infuriarono.

I rapporti con la vicina Russia contribuiscono a dividere l’opposizione e ad alienarle i favori della popolazione. Figure come l’ex premier Zurab Nogaideli o l’ex braccio destro di Saakashvili nella Rivoluzione delle Rose del 2003, Nino Burjanadze, vogliono riaprire il dialogo con Mosca ma i loro recenti incontri con Vladimir Putin sono stati etichettati come tradimento. Dal canto suo Saakashvili, che sembrava finito dopo la guerra con la Russia, è risorto dalle ceneri e -abbandonando il filoatlantismo- si è riproposto come leader “georgiano” lasciando all’ “americano” Alasania la sconfitta.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

9 aprile

GEORGIA: 9 aprile 1989, una protesta che ha fatto la storia

Trentadue anni fa, la violenta repressione di una protesta antisovietica gettava Tbilisi nel caos. Il drammatico bilancio della vicenda ha lasciato un'impronta importante nella Georgia contemporanea.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com