BIELORUSSIA: Minsk cede i gasdotti al Cremlino

Il Presidente bielorusso Alexandre Loukachenko ha dichiarato che si appresta a cedere a Mosca il controllo totale dei gasdotti della compagnia nazionale Beltransgaz. In cambio otterrà la fornitura di gas russo a tariffe inferiori a quelle di mercato. Allo stesso modo Loukachenko cederà le raffineria bielorusse in cambio della fornitura di petrolio detassato. Mosca ha reagito favorevolmente alle proposte di Minsk. Nel 2007 Gazprom aveva già acquisito il 50% di Beltransgaz. Così il Cremlino accetta a braccia aperte le profferte dei Paesi limitrofi, redenti della lontanza che ebbero voluto mettere con la grande madre Russia. Oggi Mosca raccoglie nuovamente intorno a sé i Paesi dell’area: una Bielorussia senza alternative, un’Ucraina tornata come il figliol prodigo. Kiev, dopo aver ceduto i propri gasdotti, l’areonautica, l’energia, si prepara a unificare anche l’esercito. La strategia del Cremlino è stata efficace: isolare i Paesi delle “rivoluzioni colorate”, impedire agli Stati Uniti qualsiasi intromissione nell’orto di casa russo, affamare le popolazioni stringendole nella morsa della più nera recessione, in modo da proporsi come sola alternativa possibile allo sfacelo. Dopo Kiev e Bishkek, anche Minsk comincia a cedere, e presto sarà il turno di Tblisi.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

BIELORUSSIA: Cancellata a colpi di bulldozer la memoria delle vittime dello stalinismo

Lo scorso 4 aprile il presidente Lukašenko ha ordinato la demolizione delle croci erette a Kuropaty, presso Minsk, in memoria delle vittime delle purghe staliniane. Così si cancella la storia - e con essa il dissenso - nella Bielorussia di oggi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: