ROMANIA: Il paese al voto per rinnovare il parlamento

A circa un anno dalle elezioni presidenziali, domenica 6 dicembre la Romania è chiamata a rinnovare il suo parlamento.

East Journal commenterà queste elezioni in diretta lunedì 7, alle ore 20.30, assieme al dottorando Francesco Magno e al professore Bogdan Berceanu. Nel frattempo, il nostro collaboratore Gian Marco Moisé ci fornisce una panoramica della situazione pre-elettorale con un video che rimarrà disponibile sul canale YouTube di Understanding Politics.

La Romania ha una forma di governo semi-presidenziale e questo significa che il presidente e il primo ministro condividono il potere esecutivo. Dopo la caduta del governo Dancila lo scorso anno, che si era caratterizzato per un  lungo conflitto istituzionale con il presidente Iohannis, il paese è stato diretto per due brevi mandati da Ludovic Orban, rappresentante del PNL (il Partito Nazionale Liberale): nell’ultimo anno pertanto l’esecutivo è stato guidato da un presidente, Iohannis, e un primo ministro, Orban, esponenti dello stesso partito.

La legge elettorale della Romania è di tipo proporzionale e, per accedere al parlamento, i singoli partiti devono superare la soglia di sbarramento fissata al 5%. I sondaggi di Politico suggeriscono che il PNL guiderà queste elezioni con il 32% di preferenze, seguito dai socialisti del PSD con un 27%. È dunque probabile che nessuno dei principali partiti otterrà la maggioranza assoluta. Tuttavia, se i risultati di queste elezioni possono dirsi prevedibili, le implicazioni saranno molto più complesse.

Particolare attenzione è da rivolgere infine alla campagna elettorale, molto diversa rispetto al solito a causa, in primo luogo, della pandemia di Covide-19: secondo Reporters Without Borders, i media romeni si sono infatti gradualmente trasformati in strumenti di propaganda politica, non favorendo un buon clima generale.

Immagine: Wikipedia

Chi è Gian Marco Moisé

Dottorando alla scuola di Law and Government della Dublin City University, ha conseguito una magistrale in ricerca e studi interdisciplinari sull'Europa orientale e un master di secondo livello in diritti umani nei Balcani occidentali. Ha vissuto a Dublino, Budapest, Sarajevo e Pristina. Parla inglese e francese, e di se stesso in terza persona.

Leggi anche

crisi politica romania

ROMANIA: Nuova crisi politica a causa della gestione della pandemia

In Romania sono ore di crisi a causa della rimozione del ministro della Salute, Vlad Voiculescu, già da tempo in contrasto col premier a causa della gestione dell'emergenza sanitaria.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com