GRECIA: Finisce l’era Tsipras

Domenica 7 luglio, la popolazione greca si è recata alle urne per le elezioni anticipate indette dal primo ministro Tsipras in seguito alla sua sconfitta elettorale nelle europee di maggio. Secondo i primi exit poll, il partito conservatore di Kyriakos Mitsotakis, Nuova Democrazia, si sarebbe imposto con il 39% come primo partito greco. Termina così il governo di sinistra di Alexis Tsipras, il cui partito SYRIZA è arrivato secondo con il 31%.

Delusione popolare nei confronti di Tsipras

La possibile sconfitta di Tsipras aleggiava già nell’aria. Infatti, parte della popolazione greca si sente delusa nei confronti di Tsipras a causa del mancato rispetto delle promesse fatte nel 2015. Il leader di SYRYZA aveva infatti vinto le elezioni con l’impegno di porre fine alla politica di austerità europea. Tuttavia, ben presto Tsipras si era allineato ad essa, diventando, secondo Wolfgang Streeck, professore dell’Istituto Max Planck, “il discepolo preferito della Merkel nell’arte del tradimento”.

Sono stati oggetto di forti critiche anche gli Accordi di Prespa, grazie ai quali si è posta fine alla lunga diatriba greco-macedone con l’accordo sul mutamento del nome della Macedonia in Macedonia del Nord, sono stati oggetto di forti critiche. Secondo alcuni sondaggi, due terzi della popolazione greca si direbbe scontenta della soluzione trovata, in quanto, ai loro occhi, la Macedonia sarebbe soltanto la regione settentrionale greca.

Strategia per il rilancio economico

Tutta la campagna elettorale si è sviluppata principalmente su dibattiti di carattere economico. Se, da una parte, Tsipras avrebbe voluto attrarre maggiori capitali e investimenti dall’estero, dall’altra Mitsotakis vorrebbe far ripartire l’economia applicando una riduzione delle tasse e dei contributi di sicurezza sociale. Inoltre, il leader di Nuova Democrazia affiancherebbe una politica di controllo della crescita a un rafforzamento della sicurezza, soprattutto in relazione alla questione migratoria.

Foto: POLITICO.eu

Chi è Amedeo Amoretti

Studente di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali, curriculum Global Studies, alla LUISS Guido Carli. Si interessa principalmente di Russia, Bielorussia e Ucraina. Ha scritto la tesi triennale concernente "La crisi in Crimea nel quadro delle Nazioni Unite: la pronuncia dell'Assemblea Generale e il veto russo nel Consiglio di Sicurezza".

Leggi anche

GRECIA: Il governo sfratta 11mila rifugiati ospitati con fondi europei

A partire dal primo giugno, migliaia di beneficiari di protezione internazionale, finora accolti nelle strutture dell'UNHCR e finanziate dalla Commissione europea, dovranno fare posto ai richiedenti asilo provenienti dalle isole di Lesbo e Chios. Una misura che rischia di sbattere 11.000 persone vulnerabili in strada.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: