POLONIA ELEZIONI / 5: Strane geografie elettorali

poland
Un’occhiata alle mappe elettorali della Polonia mostra una impressionante continuità tra il 2007 e il 2011 nella divisione est-ovest del paese. La linea divisoria del paese, che rispecchia il confine della Prussia rispetto alla “Polonia del congresso” zarista e alla Galizia austro-ungarica (1815-1919), sembra anzi approfondirsi, con PiS sempre più radicato all’est e PO all’ovest. Uniche differenze sostanziali, PiS guadagna alcuni centri urbani nel sud-est, ma li perde in Alta Slesia.

E’ una Polonia un po’ prussiana, quella che governa dal 2007? La geografia elettorale lo lascerebbe pensare, e anche il carattere politico ed economico del governo Tusk sembra andare nella stessa direzione. D’altronde, il paese ha ormai guadagnato il titolo di “nuova Germania”: per la crescita economica sostenuta, il ruolo di leader regionale dei nuovi paesi membri, e non ultimo per l’integrazione economica industriale tra le imprese delle due sponde dell’Oder-Neisse.

In effetti, diversi set di fattori possono essere ipotizzati per una tale divisione, senza ricorrere alla resurrezione delle identità storiche.

In primo luogo, esiste un gradiente economico-urbano da ovest a est, tra territori più urbanizzati e sviluppati, all’ovest, rispetto alle aree più rurali e povere dell’est (come si nota anche nella mappa della rete ferroviaria polacca). Le maggiori città, anche all’est, votano più liberale, mentre le aree conservatrici all’ovest fanno soprattutto riferimento a zone di miniere.

Una seconda serie di fattori potrebbe essere relativa al ruolo e al peso della Chiesa cattolica, più forte all’est che all’ovest. Da una parte perché circoscritta, sotto i prussiani, dalla politica bismarckiana del kulturkampf , mentre libera e identitariamente centrale nelle zone zariste e austro-ungariche.  Dall’altra, perché nei territori appena acquisiti all’ovest, e dove si stabilirono nuove popolazioni in fuga dai territori persi ai sovietici, il partito comunista poté avere più presa, rispetto alle reti smagliate della Chiesa cattolica.

Nell’attesa di studi approfonditi sulla materia, resta sempre valido ciò che si sente dire a Poznan e Torun: “Varsavia è già Russia”.

Aggiornamento: qui sotto una mappa che riporta la ripartizione geoografica del voto alle elezioni presidenziali polacche del 2015.

Chi è Davide Denti

Dottore di ricerca in Studi Internazionali presso l’Università di Trento, si occupa di integrazione europea dei Balcani occidentali, specialmente Bosnia-Erzegovina.

Leggi anche

POLONIA: Il governo vince il braccio di ferro sul museo di storia ebraica

Il governo polacco ha inanellato un altro successo nella propria campagna per il controllo dei musei, e della storia, del paese. Dopo un braccio di ferro di un anno, il direttore del museo di storia ebraica di Varsavia lascia il suo posto, arrendendosi alla pressione del Ministero della cultura. Perché il governo insiste così tanto sul controllo della memoria e come si è arrivati a questo punto?

3 commenti

  1. molto interessante…

  2. ho percorso in lungo e in largo la polonia e debbo dire che quest’analisi è azzeccata. varsavia divide la polonia in maniera verticale .
    si respira un’aria diversa a lublino o a bialystok, la polonia lì è ancora un paese diverso dalla piattezza occidentale.anche le persone.
    è una zona più povera ma con più personalità.( se si può dire di un luogo)
    saluti
    fiorella

  3. Molto interessante, è un tema che negli ultimi periodi – da quando ho rispolverato una carta politica di metà ottocento – mi stava incuriosendo molto.. Terrò in considerazione questo articolo sicuramente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: