SONDAGGIO: Cosa pensi della Festa del 4 novembre?

Ogni anno, il 4 novembre, ricorre la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate che celebra e commemora la vittoria italiana nella Prima guerra mondiale, il completamento dell’unità nazionale (grazie alla conquista di Trento e Trieste) e l’impegno delle forze armate. Una giornata che alcuni salutano con entusiasmo patriottico, che altri invece vedono come celebrazione dell’esercito e della guerra, e che alcuni vorrebbero persino abolire. In passato veniva definita come “la quarta guerra d’Indipendenza italiana” ricollegandosi idealmente al Risorgimento.Tuttavia il 4 novembre segna anche l’annessione del Sudtirol – provincia di lingua e cultura germanica – all’Italia. Festa nazionale, ricorda però anche la caduta dell’impero austro-ungarico che portò alla nascita di molte delle nazioni di cui ci occupiamo su questo giornale, e assume per alcuni un carattere europeo e pacifista. E tu cosa ne pensi?

Il 4 novembre è il giorno della Vittoria della Grande Guerra. E' giusto celebrarlo?

View Results

Loading ... Loading ...

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

Sostieni East Journal, caccia i picci!

East Journal è una testata registrata ma senza scopo di lucro. Le spese annuali sono coperte grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni East Journal.

Un commento

  1. Roberto Ruspanti

    La domanda del sondaggio è limitativa e, in parte fuorviante, come lo sono le risposte predisposte “prendere o lasciare”. Il 4 novembre dovrebbe rappresentare la festa dell’unità nazionale italiana. Punto. Una festa che hanno moltissimi se non tutti i Paesi del mondo e che l’Italia stupidamente – e sottolineo stupidamente – non ha. A questa giornata non vi andrebbe abbinata la festa delle forze armate (queste se la possono fare in altre giornate dell’anno) a celebrazione di una vittoria militare che costò milioni di morti da una parte e dall’altra, tra cui i soldati di italiani che combatterono anche nell’esercito austro-ungarico, perché fra quei milioni di morti ci furono anche quegli italiani, cosa di cui tutti si dimenticano. Insomma, dovrebbe essere la festa dell’unità italiana e della pace all’insegna della pacifica convivenza dei popoli che furono coinvolti in quella guerra e che oggi convivono e cooperano nell’Unione Europea.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: