SONDAGGIO: Cosa pensi della Festa del 4 novembre?

Ogni anno, il 4 novembre, ricorre la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate che celebra e commemora la vittoria italiana nella Prima guerra mondiale, il completamento dell’unità nazionale (grazie alla conquista di Trento e Trieste) e l’impegno delle forze armate. Una giornata che alcuni salutano con entusiasmo patriottico, che altri invece vedono come celebrazione dell’esercito e della guerra, e che alcuni vorrebbero persino abolire. In passato veniva definita come “la quarta guerra d’Indipendenza italiana” ricollegandosi idealmente al Risorgimento.Tuttavia il 4 novembre segna anche l’annessione del Sudtirol – provincia di lingua e cultura germanica – all’Italia. Festa nazionale, ricorda però anche la caduta dell’impero austro-ungarico che portò alla nascita di molte delle nazioni di cui ci occupiamo su questo giornale, e assume per alcuni un carattere europeo e pacifista. E tu cosa ne pensi?

Il 4 novembre è il giorno della Vittoria della Grande Guerra. E' giusto celebrarlo?

View Results

Loading ... Loading ...

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

Sono arrivate le bollette, sostieni East Journal!

Come ogni anno East Journal deve affrontare le spese di gestione del sito. Se ritenete che la redazione di East Journal faccia un buon lavoro, continuate a leggere questo articolo.

Un commento

  1. Roberto Ruspanti

    La domanda del sondaggio è limitativa e, in parte fuorviante, come lo sono le risposte predisposte “prendere o lasciare”. Il 4 novembre dovrebbe rappresentare la festa dell’unità nazionale italiana. Punto. Una festa che hanno moltissimi se non tutti i Paesi del mondo e che l’Italia stupidamente – e sottolineo stupidamente – non ha. A questa giornata non vi andrebbe abbinata la festa delle forze armate (queste se la possono fare in altre giornate dell’anno) a celebrazione di una vittoria militare che costò milioni di morti da una parte e dall’altra, tra cui i soldati di italiani che combatterono anche nell’esercito austro-ungarico, perché fra quei milioni di morti ci furono anche quegli italiani, cosa di cui tutti si dimenticano. Insomma, dovrebbe essere la festa dell’unità italiana e della pace all’insegna della pacifica convivenza dei popoli che furono coinvolti in quella guerra e che oggi convivono e cooperano nell’Unione Europea.