Torna Slavika: il festival delle culture slave ha bisogno di voi!

Dal 16 al 25 marzo torna a Torino Slavika, il festival delle culture slave organizzato dal circolo culturale Polski Kot. Come di consueto, il programma offrirà una vasta gamma di iniziative culturali, letterarie, musicali e culinarie.

Da ormai 7 anni, intorno al Polski Kot gravitano appassionati del mondo dell’Europa centro-orientale, esperti, curiosi e frequentatori abituali che farebbero invidia ai personaggi di un libro di Stefano Benni. Con East Journal e con l’associazione Most abbiamo spesso avuto la fortuna di ritrovarci tra le mura amiche del Polski Kot, dove saremo presenti anche quest’anno, per la quarta edizione del festival.

Proiezioni cinematografiche, dibattiti, presentazioni letterarie, concerti di musica balcanica: un festival inconsueto, un’offerta culturale alternativa e una realtà indipendente, che per esistere necessitano di sostegno dal basso.

Un sostegno che sarà fondamentale e gradito in tutte le valute – dagli oty polacchi agli euro – come ricorda l’organizzatore del festival, il polonista Alessandro Ajres, di fronte al Palazzo della cultura e della scienza di Varsavia.

Per ogni sostenitore sono previste adeguate ricompense: magliette, bottiglie di autentica vodka polacca, o una cena a base di tipici pierogi sono solo alcune tra queste.

Qui il programma del festival.

Qui il link per contribuire alla causa, perché il vento dall’Est continui a soffiare. 

Dieci giorni di imperdibili eventi vi aspettano, non mancate!

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

Pillole di filosofia russa/3: Lomonosov, la “prima università russa”

Quando si parla di illuminismo russo non si può non pensare a Michail Lomonosov. Scienziato e pensatore di rilievo, fu definito dal poeta Aleksandr Puškin "la prima università russa" per le sue grandi doti intellettuali che spaziano dalla metallurgia alla linguistica. Non solo contribuì all'avanzamento delle scienze, ma fondò le basi del materialismo in Russia influenzando le future generazioni di filosofi.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com