TURCHIA: Il primato di omicidi transgender nell’area europea

La Turchia è il paese dell’area europea dove si sono verificati più casi di omicidi di persone transgender negli ultimi otto anni. Ma se ne siamo a conoscenza è merito di un monitoraggio efficiente da parte delle associazioni locali Lgbt. Una premessa doverosa, considerato che da altri paesi non arrivano segnalazioni in modo altrettanto sistematico. L’omicidio di Hande Kader, donna transgender e attivista Lgbt di 22 anni uccisa a Istanbul nell’agosto 2016, aveva scatenato una forte manifestazione di protesta in Turchia, dove le associazioni per i diritti delle persone Lgbt denunciano casi di violenza sempre più frequenti. A confermare il fenomeno sono i dati dell’organizzazione Tgeu (Transgender Europe), raccolti attraverso il Trans Murder Monitoring Project. Secondo la ricerca, dal 2008 al 2016 sono state uccise 44 persone transgender, mentre i casi di violenza denunciati sono stati 86. Numeri di gran lunga superiori al resto dell’Europa. Soltanto l’Italia mostra dati delle stesse proporzioni, con 32 omicidi accertati negli ultimi otto anni, mentre negli altri paesi le cifre sono decisamente più basse: in Spagna nove omicidi riscontrati dal 2008, nel Regno Unito otto e in Francia cinque.

Secondo Lukas Berredo, membro del team di ricerca Trans Murder Monitoring Project, occorre spiegare la differenza tra la Turchia e gli altri paesi per analizzare questi numeri: “Il nostro progetto dipende dalla visibilità che le persone transgender hanno nei diversi paesi (nei media, nei discorsi pubblici, ecc …), e dall’esistenza di movimenti forti e connessi. Se sussistono queste condizioni, il controllo è più accurato. In Turchia le segnalazioni di violenze e omicidi si basano fortemente sul monitoraggio da parte delle organizzazioni locali”.

Una rete che negli altri paesi non è altrettanto strutturata. “In Italia ad esempio la nostra ricerca si basa sulle notizie che troviamo su internet, sui giornali, social media, mailing list e blog – continua Barredo – quindi i casi di omicidio riportati sono solo quelli che possiamo trovare attraverso queste fonti, oltre a quelli comunicati da comunità locali e attivisti. Poiché le organizzazioni locali in Turchia dispongono di sistemi di monitoraggio sistematici, è possibile che il numero di persone trans uccise in altri paesi sia in realtà più elevato”.

Spesso le relazioni non chiariscono le cause che portano agli omicidi, ma, secondo il report del Trans Murder Monitoring Project, le vittime sono soprattutto coloro che lavorano nella prostituzione, o comunque nell’ambito del sesso a pagamento. “In Turchia il 90% delle persone transgender assassinate svolge una professione definibile come ‘sex worker’, mentre in Italia questa percentuale è dell’83%, e in molti casi riguarda i migranti. Questo mostra come sia frequente un’intersezione tra molteplici forme di discriminazione, come transfobia, razzismo e xenofobia. Per questo – conclude Berredo – riteniamo importante parlare con gli attivisti locali e le organizzazioni che potrebbero dare un contributo importante per capire le cause del fenomeno”.

Chi è Lorenzo Lazzerini

Classe 1988, giornalista pubblicista, laureato in Scienze Politiche e Internazionali all'Università di Pisa con una tesi sul progressivo allontanamento della Turchia dall'area europea. Ha frequentato il Master in Giornalismo Internazionale presso l'Institute for Global Studies di Roma e il Master in Giornalismo dell'Università Iulm di Milano. Lavora presso la cooperativa giornalistica Primo Piano e collabora con East Journal dal luglio 2016.

Leggi anche

partita per i corridoi strategici

TURCHIA: Il ruolo di Ankara nella partita per i corridoi strategici

La partita per i "corridoi" strategici tra l'Asia e l'Europa è iniziata nel 2013 con la "Nuova Via della Seta" (BRI) proposta dalla Cina per facilitare gli scambi tra i due continenti. Nel 2023, a margine dei lavori del G20 di New Delhi, i leader di India, Arabia Saudita, Emirati Arabi e Unione Europea - sostenuti dagli Stati Uniti - hanno lanciato una nuova infrastruttura economica per connettere India–Medio Oriente–Europa (IMEC) e provare a contenere la crescente influenza del Dragone.  Ma a scombinare le carte ci ha pensato la Turchia che si è opposta strenuamente al progetto. Lo stato anatolico sta infatti pianificando da tempo un proprio schema di connettività strategico passante per l’Iraq e noto come “Development Road Project”. Rispetto all'IMEC, il collegamento pensato da Ankara ha il vantaggio di essere già in una fase avanzata di definizione mentre il  primo è ancora un concetto teorico. 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com