Slavia Praga investimenti cinesi calcio ceco

CALCIO: Slavia Praga, arrivano i (soldi) cinesi

Un asse sempre più caldo. Una nuova frontiera economica che sta pian piano allargando gli orizzonti in termini culturali e soprattutto finanziari. Nonostante i quasi 7500 chilometri che dividono Praga e Pechino, Repubblica Ceca e Cina sono davvero più vicine. Negli ultimi tempi, la tendenza delle società della Terra di Mezzo di investire nel calcio europeo ha infatti anche interessato la Cechia, con l’acquisizione della maggioranza delle azioni da parte della CEFC Energy Company di uno dei club storici del paese, lo Slavia Praga. Un tassello della politica di soft power attraverso la quale il mercato cinese sta aprendo nuove frontiere nell’economia europea, soprattutto a est.

Leader nel settore energetico e nei servizi finanziari, la CEFC ha rilevato nel settembre 2015 il 59,97% del club dal precedente proprietario, l’ex ministro dei trasporti ceco Aleš Řebíček. Lo Slavia Praga non è però il primo investimento della società in Repubblica Ceca: pochi mesi prima ha acquistato due palazzi di lusso nel cuore di Praga e aumentato la propria partecipazione nel J&T Group. Per acquistare la maggioranza del club biancorosso la CEFC ha sborsato inizialmente 5 milioni di euro, cifra resa nota dalla stessa società.

Un investimento supportato da altri due, arrivati nella seconda metà del 2016: a settembre è stato rilevato il 70% dell’Eden Arena, stadio del club che ospita anche le partite della nazionale ceca e che è dotato di un parco commerciale, mentre due mesi più tardi la stessa società ha acquistato anche la restante parte di quote azionarie del club, divise tra piccoli investitori e la Fly Sports Investments, di proprietà dell’imprenditore Jiřího Simane.

Grazie alla proprietà cinese, lo Slavia è riuscito a risorgere dalle gravi difficoltà finanziare degli ultimi anni, che avevano portato uno dei club più importanti della Repubblica Ceca all’anonimato. Come testimoniano gli acquisti del mercato in corso, oltre alla stabilizzazione economica, l’obiettivo è quello di tornare al più presto a dominare la 1.Liga e partecipare stabilmente alle coppe europee. Lo Slavia occupa attualmente il secondo posto a solo un punto dalla capolista Viktoria Plzeň (che ha una partita in meno).

L’acquisizione da parte della CEFC Energy dello Slavia Praga ha aperto le porte a nuovi accordi bilaterali: in occasione della visita del presidente Xi Jinping in Repubblica Ceca il 28 marzo 2016, la federcalcio locale e quella cinese hanno infatti stipulato un accordo di collaborazione, con il club al centro del progetto, come dimostra l’amichevole con il Jiangsu Suning, vinta dai cechi per 5-1, e la tournée invernale proprio di queste settimane nell’isola di Hainan, nel sud del Guangdong. In estate è stato inoltre raggiunto un accordo con il Tianjin Quanjian, squadra promossa dalla China League One e guidata da Fabio Cannavaro, con l’obiettivo di sviluppare il settore giovanile della nuova realtà cinese (la squadra è stata fondata nel 2012 e acquistata dal Quanjian solo nel novembre 2015), in collaborazione con scuole calcio spagnole. Non dimentichiamo Pavel Nedvěd, leggenda del calcio ceco e nuovo ambasciatore della Chinese Super League.

Il calcio rappresenta solo uno dei settori d’investimento dei cinesi. Nei prossimi due anni sbarcheranno in Cechia ben quattro banche; a metà luglio 2015 la Shaangu Power ha acquistato il 75% della Ekol, azienda di Brno produttrice di turbine a vapore, mentre i rappresentanti della provincia cinese dell’Hebei hanno annunciato l’intenzione di realizzare nei prossimi tre anni a Pasohlávky (30 chilometri a sud di Brno) un insediamento con case di cura, wellness, hotel grazie a un progetto di quasi 80 milioni di euro.

Foto: SK Slavia Praha (Facebook)

Chi è Alessandro De Felice

Partenopeo d’origine e recanatese d’adozione, nasce a Formia nello stesso anno della fondazione della Repubblica Ceca. Letenské sady è il suo posto ideale per ritrovare la pace interiore. Laureato in Mediazione Linguistica, giornalista pubblicista. Ama le emozioni che regala un pallone, la birra bionda di Boemia e girare il mondo con uno zaino in spalla. Ha fondato l’unico sito italiano sul calcio della Repubblica Ceca. Vanta collaborazioni con la Gazzetta dello Sport, Mondofutbol, East Journal, Calcio dell’Est, TuttoCalcioEstero, Progetto Repubblica Ceca e partecipa al progetto di informazione sportiva Collettivo Zaire74.

Leggi anche

CURVA EST: A caccia di stadi nell’Europa orientale

Il groundhopping è una passione che non esiste certo da oggi, ma grazie ad app ...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: