CALCIO: Bojan Krkic, il serbo che si pentì della Spagna

Ogni aspetto della contemporaneità sta subendo l’influsso di una globalizzazione costantemente progressiva. Succede, per esempio, in politica, attualità e cultura, ma non solo. Essendo lo sport una delle dimensioni attraverso cui la contemporaneità di proietta, non poteva non esserne soggetto lo sport più diffuso al giorno: il calcio. Protagonista della storia è Bojan Krkić, attuale attaccante dello Stoke City.

Nato a Linyola, comune catalano che consta di meno di tremila abitanti e situato a circa 150 km di Barcellona, fin dalla giovane età è stato considerato come un astro nascente del calcio mondiale. Madre catalana e padre nato nella città serba di Paraćin, nonché ex calciatore. Ha fatto scalpore la sua recente richiesta di entrare nel giro della nazionale serba nonostante il suo debutto già avvenuto con la Selección spagnola. Un cambio criticato da alcuni per la sua ipocrisia patriottica, giustificato da altri per la giovane età in cui si trovò a dover scegliere.

La carriera del padre non fu eccezionale: Bojan Krkić senior, attaccante jugoslavo, passò anche fugacemente tra le fila dei croati del Rijeka. Terminata la carriera agonistica, nel 1997 fu assunto dal Barcellona come talent scout, ruolo ricoperto fino al 2011. Era il 1998 quando invece Bojan junior fu notato all’età di otto anni in un torneo organizzato ad Andorra. Ingaggiato dall’entourage del Barça, la cui prima squadra era allenata da Louis van Gaal, iniziò così la sua luminosa carriera nel settore giovanile blaugrana impreziosita più di 500 reti nella cantera della società. Nel frattempo anche la Selección spagnola di categoria iniziò a tenerlo monitorato, permettendogli di conquistare con la maglia della Roja un Europeo under 17 in Belgio nel 2007 e un Europeo under 21 in Danimarca nel 2011. Davanti a lui iniziò così a prospettarsi una carriera da astro nascente.

Inevitabile, quindi, finire anche nel giro della Selección maggiore. Convocato senza essere impiegato prima da Luis Aragonés e poi da Vicente del Bosque nel 2008. La scelta circa quale percorso seguire nelle competizioni per nazionali sembrava ormai chiaro. Arrivò anche il rifiuto della convocazione da parte di Radomir Antić, allora commissario tecnico della Serbia, e il successivo esordio ufficiale a settembre contro l’Armenia per le qualificazioni a Sudafrica 2010. Secondo giocatore più giovane a esordire tra le Furie Rosse.

Non solo Spagna. Il giovane attaccante di origini balcaniche decise anche di abbracciare la causa catalana, vestendo la maglia della sua rappresentativa esordendo a Bilbao con una rete contro i Paesi Baschi. Un’esperienza, quella con la Selecció, conclusa con cinque reti in sette presenze. Una causa, quella catalana, che chiaramente sfonda i confini calcistici per abbracciare radici profonde.

E adesso? Dopo la sua esperienza al Barcellona, Bojan Krkić ha iniziato una gavetta europea di tutto rispetto ma che non l’ha mai visto esplodere come un giocatore della sua classe avrebbe potuto fare: Roma, Milan, Ajax e adesso Stoke City. Non riuscendo ad imporsi nei club, l’ex bluagrana si è così allontanato dal giro della nazionale spagnola. Così, a otto anni dalla sua unica presenza con le Furie Rosse, il CT serbo Slavoljub Muslin, con il benestare dell’atleta ha sottoposto alla FIFA la situazione, chiedendo di poterlo convocare. La sentenza ha ovviamente negato questa possibilità a causa dell’esordio già avvenuto, tra l’altro in seguito proprio a un rifiuto alla nazionale “paterna”.

Foto: RadioGoal24

Chi è Matteo Calautti

Studente genovese di Scienze Internazionali e Diplomatiche, nonché "minor" di pallacanestro. Appassionato di sport in ogni sua forma e colore. Esterofilo e curioso osservatore di politica e attualità. Tra le altre, collabora anche con Londra Italia, con la rivista di Ingegneria di Genova, con la trasmissione televisiva Dilettantissimo e con Io Gioco Pulito, l'inserto sportivo de Il Fatto Quotidiano. Infine, ha fondato anche Liguria a Spicchi ed Il Calcio Portoghese, portali web dedicati rispettivamente alla pallacanestro ligure ed al calcio in Portogallo.

Leggi anche

CURVA EST: La rubrica di East Journal sul calcio dell’Europa orientale

Mentre sto correndo verso la fetta di tribuna occupata dai padroni di casa, mi ritrovo ...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: