LETTONIA: Tre ministri incontrano in segreto il vicepremier russo

Da RIGA Il ferragosto lettone, molto bagnato e pieno di funghi, fra Olimpiadi e la festa della città di Riga (e anche quella di Valmiera) è stato agitato soprattutto dalla notizia dell’incontro fra tre ministri del governo lettone e il vice premier russo, avvenuto nei giorni scorsi a Riga.

I tre ministri che hanno incontrato Arkādij Dvorkovič, il vice di Medvedev, che in questi giorni si trovava a Riga per vacanze private, sono il ministro delle finanze Dana Ozola-Reizniece, il ministro dei trasporti Uldis Augulis e quello dell’agricoltura Jānis Dūklavs.

I tre ministri sono tutti del partito dei verdi e contadini, ZZS, lo stesso partito del premier Kučinskis, ma sono soprattutto i tre ministri più “vicini” all’oligarca e sindaco di Ventspils Aivars Lembergs, che ha sensibili interessi commerciali con la Russia.

L’incontro fra i tre ministri e il vice premier russo, pur in una situazione di forte contrasto fra le diplomazie europee e il Cremlino, di per sé non avrebbe niente di sconvolgente: pur mantenendo una posizione fortemente critica sulla politica estera russa e in particolare sul tema ucraino, la Lettonia ha forti interessi commerciali ed economici con la Russia, e in diversi settori il commercio lettone soffre molto per l’imbargo russo sui prodotti europei.

La cosa che ha fatto clamore è stato soprattutto il carattere di segretezza dell’incontro fra i ministri lettoni e il vice premier russo. Neanche il ministero degli esteri Rinkēvičs ne sapeva niente, e la diplomazia lettone si è trovata in forte imbarazzo quando la storia degli incontri segreti con Dvorkovič è uscita fuori.
Uno dei tre ministri ZZS, Dūklavs, ha provato con scarso successo a giustificare la mancata comunicazione al ministero degli esteri, col fatto che Rinkēvičs in questi giorni è in ferie.

Non sembra sia venuto fuori niente di particolare dal confronto non ufficiale fra i tre ministri e il vice premier russo, ma molti in Lettonia si chiedono il reale significato di questo gesto dei ministri ZZS, a cominciare dagli alleati di governo, Vienotība e i nazionalisti di Visu Latvijai!.

Chi è Paolo Pantaleo

Giornalista e traduttore, Firenze-Riga. Jau rīt es aiziešu vārdos kā mežā iet mežabrāļi

Leggi anche

La Lettonia renderà pubblici gli archivi del KGB

Entro la fine del 2018, la Lettonia renderà pubblicamente accessibili online gli archivi del KGB, i servizi segreti sovietici. Una decisione storica che mette fine a oltre vent'anni di controversie, ma che forse rischia anche di generarne delle nuove.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: