IRANICA: Gli assiri, ultimi uomini che parlano la lingua di Gesù

Quando si parla di assiri, la memoria corre inevitabilmente ai banchi di scuola. Vaghi ricordi di un tempo in cui la Mesopotamia era il centro del mondo, si sposano forse alle immagini dei bassorilievi del British Museum, capolavoro ineguagliabile dell’arte antica. Eppure, fra il Caucaso e il Medio Oriente, come anche nella sempre più nutrita diaspora in America e in Europa, si incontrano ancora oggi uomini che definiscono se stessi assiri, e che si vorrebbero – a torto o a ragione – i discendenti di quella popolazione antica.

Come gli assiri dell’antichità, anche quelli di oggi parlano una lingua semitica, e cioè della stessa famiglia linguistica dell’arabo e dell’ebraico. Più esattamente, parlano (e scrivono, con un proprio alfabeto) la lingua neo-aramaica assira, che altro non è che una moderna evoluzione dell’aramaico, lingua usata duemila anni or sono da Gesù e dagli apostoli. Una lingua, ancor più indietro nel tempo, già diffusa fra le popolazioni dell’impero assiro prima della sua definitiva caduta, nel 612 a.C. Tale legame è alla base dell’autoidentificazione, controversa e tutta moderna, fra questa minoranza etnico-religiosa e il grande impero mesopotamico del passato.

Più in concreto – e senza rischiare di cadere in errore – possiamo dire che gli assiri di oggi sono gli ultimi eredi, da un punto di vista culturale e religioso, della tradizione orientale del cristianesimo nestoriano. Dottrina cristologica predicata da Nestorio, Patriarca di Costantinopoli del V secolo, il nestorianesimo divenne in seguito alla condanna del Concilio di Calcedonia nel 451 un’eresia non più ammessa dal resto della Chiesa. I suoi seguaci trovarono quindi rifugio nell’Iran sasanide dove, unendosi alle comunità cristiane locali, diedero vita a una tradizione portata avanti ancora oggi dagli assiri.

Una Chiesa, quella nestoriana, che ha conosciuto nella sua storia momenti di notevole splendore. Alcuni studiosi hanno ipotizzato che, all’alba dell’invasione araba, l’espansione del cristianesimo in Iran fosse tale da minacciare l’egemonia della religione di stato dell’impero: lo zoroastrismo. Secondo tale teoria, si fu molto vicini all’eventualità di avere un altro grande impero cristiano, l’Iran, con esiti del tutto imprevedibili. Anche in seguito all’avvento dell’islam, il cristianesimo rimase ancora per molti secoli una presenza importante in Iran. In concomitanza con i grandi stavolgimenti dell’epoca mongola, fra XIII e XIV secolo, i cristiani tentarono un ultimo colpo di coda, mettendo addirittura in discussione – seppur per un breve periodo – la supremazia religiosa dell’islam. A tale sfortunato tentativo seguirà una lenta decadenza.

Oggi gli assiri rappresentano, assieme agli armeni, una delle due anime principali del cristianesimo iraniano. A paragone degli armeni, più numerosi e facoltosi, gli assiri hanno conosciuto negli ultimi decenni una marginalizzazione tale da mettere a rischio la sopravvivenza stessa della comunità nel paese. La ragioni sono diverse: si tratta innanzitutto – sempre a differenza degli armeni – di una minoranza non nazionale, e oltre a ciò pesantemente indebolita, nel contesto mediorientale d’origine, dai conflitti degli ultimi decenni. Un altro punto di debolezza è la frammentazione religiosa.

Gli assiri in Iran appaiono oggi divisi fra appartenenti alla Chiesa apostolica assira d’Oriente, erede diretta della Chiesa nestoriana, e seguaci della Chiesa cattolica caldea. Oltre a queste, diversi di loro aderiscono al protestantesimo e ad altre denominazioni minori. La Chiesa apostolica assira ha una sola diocesi, nella capitale, mentre quella caldea cattolica – che pare maggioritaria – ne ha tre: Teheran, Ahvaz e Urmia-Salmas, quest’ultima sede originaria della presenza assira in Iran, nel nord-ovest del paese.

Non mancano in Iran scuole, istituzioni, e persino un rappresentante in parlamento (il Majles) della minoranza assira. Tutto ciò non basta, tuttavia, ad arginare una scomparsa certo più lenta e meno drammatica che altrove in Medio Oriente – dove è la comunità assira non è già più che un ricordo – ma forse ugualmente inesorabile.

Chi è Simone Zoppellaro

Giornalista e ricercatore. Ha trascorso sei anni lavorando fra l’Iran e l’Armenia, con frequenti viaggi e soggiorni in altri paesi dell'area. Scrive di Caucaso e di Medio Oriente (ma anche di Germania, dove vive) su varie testate, dal Manifesto, alla Stampa, fino al Giornale, e ancora sulla rivista online della Treccani. Autore del volume 'Armenia oggi', edito da Guerini e Associati nel 2016. Collabora con l’Istituto Italiano di Cultura a Stoccarda.

Leggi anche

Le menzogne dell'Iran sul nucleare

IRAN: Il PowerPoint “bomba” di Israele che accusa Teheran

Gerusalemme accusa Teheran di aver mentito, violando l'intesa sul nucleare siglata nel 2015. Accusa che secondo gli analisti servirebbe proprio a far saltare l'accordo.

3 commenti

  1. bellissimo articolo…fa piacere che ogni tanto si parli anche di queste cose !
    tuttavia, per la precisione, la lingua verosimilmente parlata da Gesù era una forma di aramaico occidentale, di cui nel primo Medio Evo furono esempi scritti l’aramaico samaritano, l’aramaico giudaico palestinese e l’aramaico cristiano-palestinese, e che sopravvive tuttora solo nel villaggio di Ma’lula in Siria, distrutto dai fanatici islamisti poco tempo fa, come vi ricorderete, laddove l’assiro moderno è un dialetto neo-aramaico nord-orientale (N.E.N.A), non derivato in modo diretto (pare) dal siriaco classico, grandissima lingua di cultura delle cristianità “giacobite” e “nestoriane” per secoli (e pure dei maroniti e di pochissimi melkiti, ma non più oggi)
    non parliamo poi dell’assiro antico, scritto in cuneiforme, che era bensì una lingua semitica ma non del ramo aramaico (e se è per questo neppure del ramo cananeo, come l’ebraico, né del ramo arabico come l’arabo né di quello sud-arabico/etiopico come l’estinto sabeo e il ge’ez l’amharico, il tigré, il tigrinya; faceva gruppo a sé con il “gemello” babilonese, beninteso sempre all’interna della grande famiglia linguistica semitica)

  2. Due precisazioni:
    1) il cristianesimo nestoriano è ancora praticato dalle comunità “di San Tommaso” nel Kerala, che per quel che ne so sono di lingua Malayalam (ma usavano il siriaco, un’altra varietà di aramaico, come lingua liturgica).
    2) il neo-aramaico parlato dagli assiri moderni non deriva direttamente da quello della Palestina dell’epoca di Gesù. L’aramaico, come è ben noto, era una lingua diffusa sua una regione piuttosto ampia e si è frammentato presto in diverse varietà, già probabilmente in epoca ellenistica. L’aramaico parlato dagli assiri è una varietà aramaica orientale (come il siriaco). Gesù parlava l’aramaico giudaico palestinese (anche se abbiamo pochissimi documenti per quell’epoca) che si è estinto, per quel che ricordo, dopo la conquista araba.

  3. Gilberto Martinelli

    Grazie per l’articolo e per i commenti a seguire, e nulla da eccepire.

Privacy Preference Center

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: