AZERBAIGIAN: F1, il Gran Premio d’Europa si trasferisce nel Caucaso

Tempo di novità nel mondo della Formula 1. A partire dal 2016, infatti, tornerà in calendario il Gran Premio d’Europa. Non si correrà però più al Nürburgring, circuito tedesco che ha ospitato il Gran Premio fino al 2007, né a Valencia, che ha ospitato l’ultima gara fino a qui disputata, nel 2012. A partire dalla prossima edizione, prevista tra due anni, il Gran Premio d’Europa avrà una nuova e inedita sede: Baku, capitale dell’Azerbaigian.

Il nuovo percorso è stato recentemente presentato da Bernie Ecclestone, capo esecutivo della Formula 1, dall’ingegnere Hermann Tilke, disegnatore del circuito, e dal ministro dello sport azero Azad Rahimov. Il nuovo tracciato consisterà in un circuito cittadino, costruito sull’esempio del Gran Premio di Montecarlo, e non richiederà dunque l’edificazione di un nuovo impianto. Il percorso è stato progettato in modo da attraversare tutte le zone principali della capitale azera: dal centro storico, con i suoi monumenti simbolo, al lungomare, fino al passaggio davanti al palazzo del governo.

La decisione di trasferire il Gran Premio d’Europa nel Caucaso può essere motivata dalla linea politica adottata negli ultimi anni da Ecclestone, il quale è sempre di più orientato ad aprirsi a paesi che dispongono di ingenti somme di denaro da investire nel mondo della Formula 1. Per farsi un’idea della recente evoluzione della “geografia della F1”, basta guardare dove sono stati istituiti i nuovi Gran Premi messi in calendario negli ultimi dieci anni: Bahrain e Cina (2004), Singapore (2008), Abu Dhabi (2009), Corea del Sud (2010), India (2011), e Russia (2014).

L’assegnazione del Gran Premio d’Europa è solo l’ultima in ordine cronologico di una serie di “successi” conseguiti in ambito sportivo dal paese caucasico, che grazie alle ingenti risorse economiche a disposizione sta investendo fortemente sul settore. Secondo quanto dichiarato dal ministro dello sport azero nel corso della presentazione del nuovo circuito, “l’Azerbaigian è un moderno paese europeo che si è costruito una reputazione quale centro di eccellenza sportiva. L’accordo per portare la Formula 1 a Baku è un capitolo molto importante nel continuo successo per attrarre le più grandi manifestazioni sportive nel paese”.

Oltre ad ospitare il Gran Premio d’Europa, l’Azerbaigian nei prossimi anni sarà teatro di altre importanti manifestazioni sportive di livello internazionale. Nell’estate del 2015 Baku ospiterà la prima edizione dei Giochi Europei, manifestazione nata sul modello delle Olimpiadi ma riservata alle sole nazioni europee. Inoltre, sempre la capitale azera è stata scelta per ospitare nel 2020 alcune partite della 16° edizione del Campionato Europeo di calcio, edizione “itinerante” che per la prima volta verrà disputata in 13 diverse città europee. A Baku saranno giocate tre gare della fase a gironi più un quarto di finale.

Chi è Emanuele Cassano

Ha studiato Scienze Internazionali, con specializzazione in Studi Europei. Per East Journal si occupa di Caucaso, regione a cui si dedica da anni e dove ha trascorso numerosi soggiorni di studio e ricerca. Dal 2016 collabora con la rivista Osservatorio Balcani e Caucaso.

Leggi anche

CAUCASO: Baku e Tbilisi si contendono un monastero

La demarcazione dei confini del Caucaso è stata causa di guerre e tensioni nel recente passato. Nelle ultime settimane è riemersa una vecchia disputa tra Georgia e Azerbaigian sul controllo di un antico complesso monasteriale a cavallo della frontiera dei due paesi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: