MONTENEGRO: Vince ancora Djukanovic. Dov'è l'opposizione?

Non solo elezioni europee. In 14 comuni del Montenegro, domenica 25 maggio, si sono svolte le elezioni locali. I membri della grande coalizione di governo – il Partito Democratico dei Socialisti e il Partito Social Democratico – sono partner in 9 comuni, ma hanno deciso di candidarsi separatamente nella capitale e in altre municipalità. Ovviamente l’interesse maggiore è stato suscitato dalle elezioni a Podgorica, vinte dalla coalizione guidata dal partito democratico socialista (DPS) del premier Milo Djukanovic, al potere da circa vent’anni.

Secondo la Commissione elettorale centrale, la coalizione di governo ha vinto in 12-14 province su 21. La coalizione di governo ha vinto nella provincia di Podgorica, in cui vive un terzo dell’intera popolazione (620 mila abitanti) del Montenegro. Slavoljub Stijepovic, il candidato sindaco della “Coalition for European Podgorica Milo Djukanovic” dovrebbe ora fermare i progetti edilizi nel centro della città , e porre particolare enfasi sullo sviluppo delle periferie e dei villaggi. Anche se ha annunciato la continuità del governo DPS, il suo concetto è diverso da quello promosso da Miomir Mugosa per 14 anni .

Tuttavia, il premier Djukanovic che ha portato il Paese verso la piena indipendenza dalla Serbia nel 2006, emerge da queste elezione amministrative più forte rispetto alle elezioni parlamentari del 2013. “La nostra coalizione ha vinto il 47,5% del numero totale dei voti, – ha detto il Primo Ministro. – In numeri assoluti poco più di 49.000 voti che è il 10%  in più di quanto abbiamo vinto in precedenza in coalizione con il Partito socialdemocratico (SDP). E ‘davvero un risultato impressionante. Ho visto sugli schermi che molti stavano celebrando, ma l’unico che ha il vero motivo per festeggiare è il Partito democratico dei Socialisti”. Il partito d’opposizione, il partito socialdemocratico, SDP, ora lotta per la sopravvivenza sulla scena politica montenegrina. Forse questo risultato è la soluzione migliore per i rapporti all’interno della coalizione di governo.

Il Montenegro è uno dei 5 stati candidati a entrare nella UE e nella NATO. Il cammino verso Bruxelles è ostacolato da corruzione, problemi di libertà di stampa, e criminalità organizzata.

Chi è Lavdrim Lita

Giornalista albanese, classe 1985, per East Journal si occupa di Albania, Kosovo, Macedonia e Montenegro. Cofondatore di #ZeriIntegrimit, piattaforma sull'Integrazione Europea. Policy analyst, PR e editorialista con varie testate nei Balcani. Per 4 anni è stato direttore del Centro Pubblicazioni del Ministero della Difesa Albanese. MA in giornalismo alla Sapienza e Alti Studi Europei al Collegio Europeo di Parma.

Leggi anche

Peter Handke

Premio Nobel a Peter Handke, l’uomo che nega Srebrenica

Come si fa ad assegnare il premio Nobel per la Letteratura a Peter Handke, uno che nega l'esistenza del massacro di Srebrenica? Uno che andò a piangere sulla tomba di Milosevic?

Privacy Preference Center

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: