TURCHIA: Oscurato twitter. Erdogan contro i mulini a vento

Twitter oscurato in Turchia, da ieri sera. Il premier turco Erdogan, in difficoltà in vista delle elezioni locali del 30 marzo, ha deciso di mettere al bando twitter nel paese, dove già youtube è sottoposto a restrizioni.

“Sradicheremo twitter. Non mi interessa cosa dice la comunità internazionale,” aveva dichiarato solo ieri. Il pretesto è il mancato rispetto da parte della piattaforma online degli ordini di rimozione di alcuni link, ma negli ultimi mesi twitter è divenuto arena di contestazione politica tra attivisti filo- e anti-governativi in Turchia. Secondo il vicepremier Ali Babacan, si tratta solo di un “bando temporaneo”, in vista di un “compromesso”.

Contro il bando si sono espressi il Commissario UE all’allargamento Stefan Fuele e il partito d’opposizione CHP, ma anche il presidente turco Abdullah Gul, dello stesso partito AKP, direttamente con un tweet. Gli utenti turchi di twitter hanno già iniziato ad aggirare il bando passando da server esteri.

Meno di due mesi fa, la Turchia ha approvato ulteriori misure restrittive rispetto alla libertà di espressione online, ed Erdogan aveva accusato una “lobby robot” di attaccare il governo via twitter e preparare un complotto. Nel frattempo, Erdogan e il suo partito solo stati colpiti da un grave scandalo di corruzione e hanno perso l’appoggio della potente confraternità islamica di Gulen. Le reti sociali, in particolare twitter, erano state molto utilizzate dagli attivisti di Gezi nella protesta partita meno di un anno fa.

Foto: bird watching, by [sciscia], via Colorz by Spinoza.it

Chi è Davide Denti

Dottore di ricerca in Studi Internazionali presso l’Università di Trento, si occupa di integrazione europea dei Balcani occidentali, specialmente Bosnia-Erzegovina.

Leggi anche

partita per i corridoi strategici

TURCHIA: Il ruolo di Ankara nella partita per i corridoi strategici

La partita per i "corridoi" strategici tra l'Asia e l'Europa è iniziata nel 2013 con la "Nuova Via della Seta" (BRI) proposta dalla Cina per facilitare gli scambi tra i due continenti. Nel 2023, a margine dei lavori del G20 di New Delhi, i leader di India, Arabia Saudita, Emirati Arabi e Unione Europea - sostenuti dagli Stati Uniti - hanno lanciato una nuova infrastruttura economica per connettere India–Medio Oriente–Europa (IMEC) e provare a contenere la crescente influenza del Dragone.  Ma a scombinare le carte ci ha pensato la Turchia che si è opposta strenuamente al progetto. Lo stato anatolico sta infatti pianificando da tempo un proprio schema di connettività strategico passante per l’Iraq e noto come “Development Road Project”. Rispetto all'IMEC, il collegamento pensato da Ankara ha il vantaggio di essere già in una fase avanzata di definizione mentre il  primo è ancora un concetto teorico. 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com