LITUANIA: La svastica è parte della nostra eredità storica

Una corte di Klaipeda, città della Lituania, ha emesso una sentenza in cui la svastica viene decretata parte dell’eredità storica del Paese e non un simbolo nazista. Dopo tre mesi, la corte ha giustificato la sua decisione citando il fatto che la svastica è un simbolo molto antico che rappresenta il sole ed è presente su numerosi manufatti.

La sentenza arriva dopo che alcuni studenti avevano utilizzato il simbolo durante una parata per la commemorazione dell’indipendenza. La decisione ha suscitato scalpore nel Paese, dove molti sono preoccupati che adesso il simbolo possa essere utilizzato dai gruppi neo-nazisti. Uno degli organizzatori della parata ha riferito di voler spingere le persone a pensare anche fuori dagli schemi: “La svastica – una volta un simbolo sacro – viene ora frainteso e umiliato“. In principio, gli studenti erano stati arrestati e accusati. La corte ha creduto alla motivazione degli imputati di voler soltanto promuovere un simbolo storico.

Fonte: Peacereporter

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

LITUANIA: L’esito delle presidenziali rinviato al ballottaggio

Grave sconfitta per il primo ministro che annuncia le sue prossime dimissioni. Inoltre, i lituani erano chiamati ad esprimersi su due quesiti referendari.

3 commenti

  1. Vorrei fare un’osservazione all’immagine di quest’articolo: Un tatuaggio è una cosa che rimane. Perciò un’ortografia corretta sarebbe di prammatica. Il signore proprietario dell’occipite adornato porta in giro (oltre una visione politica reazionaria) un errore di battitura: “heist” andrebbe scritto con una ß al posto della s.

  2. che giuduce credulone però…