Il futuro ancora diviso dell’Ossezia

di Enzo Nicolò Di Giacomo

La bandiera russa con sullo sfondo quella osseta

Il Caucaso centrale comprende una regione abitata da un popolo di ceppo iranico ma di fede cristiana, che si chiama Ossezia. Siamo nel mezzo del Caucaso in direzione nord-sud. Con la creazione dell’Unione Sovietica, in questi territori avvenne la formazione di nuove repubbliche autonome, incardinate all’interno della Federazione Russa e comprendenti nella medesima unità territoriale, popoli tra essi confinanti ma etnicamente distinti e diversi.

In questi nuovi oblast’ si ritrovarono a coabitare coattivamente insieme sotto la medesima unità istituzionale, vari gruppi etnici e popoli, che un tempo erano indipendenti, liberi e soprattutto fieri della loro identità culturale. Ad esempio, i cabardini ed i balcari, entrambi popoli autoctoni del Caucaso, furono accorpati e costretti a dare vita alla Repubblica Autonoma della Cabardino-Balcaria.

Diversa, è invece, la storia dell’Ossezia. Questa è divisa in due parti: a nord fa parte della Federazione Russa, dove costituisce la Repubblica Autonoma dell’Ossezia del Nord (in russo Alaniya, nome antico dell’Ossezia); mentre a sud fa parte della Georgia, chiamata Repubblica Autonoma dell’Ossezia del Sud, che“de facto” risulta indipendente, grazie ad una dichiarazione unilaterale accettata solo da Russia (sua protettrice ed ispiratrice del ritorno russo nel Trans-Caucaso) e dal Nicaragua.

L’Ossezia a differenza delle altre vicine “sorelle” del Nord Caucaso, è a stragrande maggioranza cristiano-ortodossa, e ciò costituisce un aspetto che la differenzia notevolmente dagli altri popoli ciscaucasici (al di qua del Caucaso) professanti invece, quasi tutti, la fede islamica. Il dato religioso non è da sottostimare, soprattutto se si considera che i russi hanno da sempre considerato gli osseti come dei figli prediletti meritevoli di maggior tutela, rispetto ad ogni altro popolo montanaro del tanto turbolento e pericoloso Caucaso. Inoltre, parlano una lingua simile all’odierno armeno (che come l’iraniano appartiene alle lingue indoeuropee) ragion per cui, etnicamente sono davvero molto sui generis.

Mentre gli altri popoli presenti “nelle” repubbliche autonome di formazione sovietica, venivano coattivamente accorpati e costretti a convivere simbioticamente a due a due, l’Ossezia veniva divisa tra due diverse repubbliche federali dell’Urss. Il 90% degli osseti oggi, vive nell’Ossezia del Nord (Alaniya) esattamente nel mezzo del Grande Caucaso, tra le repubbliche della Cabardino-Balcaria ad ovest, e dell’Inguscezia ad est; ancora a nord, essa confina con la Russia propriamente detta, nel Kraj di Stravopol’, il quale sembra formare un naturale corridoio, che congiunge l’ortodossia slava di Mosca col Caucaso georgiano.

L’Ossezia del Sud fa parte “formalmente” della Georgia, ma rivendica ormai da tempo la propria appartenenza alla più grande Madre Russia, ed anela alla riunificazione con essa. Autoproclamatasi indipendente con l’appoggio di Mosca, ha innescato di fatto nell’agosto 2008, la seconda guerra russo-georgiana (costata la vita a 4000 soldati) allontanando così la pace dal Caucaso, che giace “in un stato di perenne conflitto” ormai da circa un ventennio.

Il 25 marzo 2012, si terrà nel paese “alano”, la seconda tornata delle elezioni presidenziali, conclusesi qualche mese fa con un nulla di fatto. In seguito ad un ricorso proposto da parte del primo eletto, la filorussa Alla Dzhioeva, la Corte Suprema osseta decretando l’annullamento della vittoria di quest’ultima, ha stabilito un rinvio a nuove consultazioni elettorali per marzo. Il risultato in realtà sembrava “chiaro”. La vittoria era della tenace Dzhioeva, la quale pur non essendo la “favorita diretta di Mosca”, si era rivelata la conquistatrice degli osseti, grazie anche, alle sue simpatie per il Cremlino.

Una cosa pare più che certa: anche l’Ossezia, al di là dell’insostenibile amore che nutre realmente per Mosca, è lontana dall’essere uno stato pienamente indipendente.

Chi è redazione

East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

GEORGIA: Osservatori UE detenuti al confine con l’Ossezia del Sud

Il 24 ottobre le forze di sicurezza armate dell’Ossezia del Sud hanno brevemente detenuto un gruppo di osservatori civili disarmati della Missione di Monitoraggio dell'Unione Europea (EUMM) in Georgia. Un incidente che si iscrive in un contesto di tensione e di "frontierizzazione" strisciante tra Tbilisi e Tskhinvali.

6 commenti

  1. Bell’articolo, faccio le pulci come al solito 🙂 L’Ossezia del Sud è riconosciuta, oltre che da Russia e Nicaragua, anche da Venezuela, Nauru e Tuvalu, oltre che dagli altri semi-stati filorussi: Abkhazia e Transnistria, e il Nagorno-Karabakh (http://en.wikipedia.org/wiki/International_recognition_of_Abkhazia_and_South_Ossetia#States_formally_recognising_Abkhazia_or_South_Ossetia_as_independent)

    • La Lega Araba e l’Africa ha permesso la fortificazione della Russia Unita contro l’Islam e forse permette anche la provocazione e la provocazione contro il proprio popolo. questo atteggiamento non conduce all’Islam ma contro di esso in Libia.

  2. Io penso che tra non molto per via di questa notizia pubblica che dice che la Russia ha aperto ufficio cinematografico in Hollywood e da Hollywood in Russia http://www.ecodelcinema.com/la-russia-apre-un-centro-cinematografico-a-hollywood.htm sapendo che la Cecenia e il Daghestan e’ nella Russia Unita per volonta’ dei Presidenti della Cecenia e del Daghestan, ben presto dara’ inizio ai viaggi Turistici dalle Agenzie viaggi per il turismo e per le scuole. Se non fosse così tutto quello che accade oggi serve solo per far perdere del tempo facendo organizzare nel meglio l’Islam,perche’ la Cecenia e il Daghestan si era sempre proclamata contro alla Russia Unita. L’Islam e’ in agguato e aspetta qualche cambiamento ma se non ci sara’,dopo tutto questo sotto sopra,l’Islam e’ presente ed integro.

  3. Rileggendo il mio articolo SOLO adesso, e a più di un mese di distanza,
    mi accorgo di aver commesso un errore, nell’aver scritto che, il riconoscimento dell’Ossezia del Sud è arrivato qualche anno fa, solo da
    parte della Federazione Russa e del Nicaragua. Riconosco l’inesattezza sopra esposta e confermo pienamente quello che già è stato aggiunto nei commenti. Ma preciso due punti:
    1) nella stesura del mio articolo, ho tralasciato gravemente di menzionare i due microstati oceanici, di Tuvalu e di Nauru (Stati con una popolazione pari a circa 20 mila abitanti) e di ciò me ne dolgo e me ne scuso, ribadendo che si tratta di una dimenticanza, causata dalla assai frettolosa ricomposizione del pezzo, in fase di definizione reimpostazione;
    2) mi è nota la vicenda, del riconoscimento formale da parte del Venezuela (che si è mosso in varii momenti ed in successivi pronunciamenti!).
    E’ pacifico invece, che un riconoscimento internazionale dell’Ossezia del Sud, da parte di Abkhazia, NagornoKarabakh e Transdnistria non può ritenersi valido, poichè esse stesse, non essendo riconosciute come Nazioni…(a loro volta) non possono ricononoscere alcunchè!
    Cordialmente mi scuso e a presto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: