POLONIA: Una società di Breslavia porta l’Oman in orbita

Per l‘Oman il nuovo petrolio sono i dati raccolti dai satelliti in orbita intorno alla terra: per costruirli si affida a un‘azienda polacca

Il sultanato dell’Oman ha commissionato a una società con sede a Breslavia progettazione e costruzione di un satellite per monitorare la Terra. Come ha spiegato Grzegorz Zwolinski, amministratore delegato di SatRevolution all’agenzia di stampa polacca Pap, il sultanato vuole investire in ricerca e tecnologia spaziale, in virtù di una strategia economica che mira a ricavare profitti dai dati ottenuti dai satelliti, “il petrolio del mondo moderno”.

Il controllo di raccolti e infrastrutture è il “nuovo petrolio”

La SatRevolution ha sottoscritto un accordo preliminare con l’Oman a inizio febbraio. Entro la prima settimana di marzo deve presentare i dettagli della realizzazione agli incaricati dell’Università di Mascate, e nei successivi tre mesi si attende la firma del contratto esecutivo. Quello che dovrebbe essere realizzato a Breslavia è più precisamente un nanosatellite, formato da moduli di dimensioni ridotte, che peserebbe al massimo una decina di chili.

Insomma un oggetto anche abbastanza “maneggevole”, destinato a muoversi in orbita intorno alla Terra. L’obiettivo di questo e di altri satelliti sui quali puntano gli omaniti, è fornire immagini utili per agricoltura, logistica o distribuzione. I dati ad esempio possono essere utili per monitorare infrastrutture sensibili, reagire rapidamente alle perdite di un gasdotto, prevedere raccolti agricoli e prezzi di mercato, o sorvegliare frane ed eruzioni vulcaniche.

La SatRevolution punta al primato nel settore

Non è il primo incarico che l’Oman affida alla SatRevolution, azienda fondata nel 2016 con una sessantina di dipendenti. In estate dovrebbe essere lanciato dal Regno Unito un altro satellite, commissionato l’anno scorso, in collaborazione con la Virgin Orbit dell’imprenditore britannico Richard Branson. La società di Breslavia ambisce a diventare uno dei primi operatori mondiale per l’osservazione della terra.

Sono circa cinquanta, stando ai dati del ministero polacco dello Sviluppo e della tecnologia, le aziende polacche del settore spaziale. Almeno cinque operano sul mercato internazionale. Secondo il ministero questa è una delle industrie in più rapida crescita, e nel giro di una dozzina di anni potrebbe diventare tra i settori più conosciuti della Polonia sui mercati internazionali.

Un mercato da 140 miliardi di dollari

L’Euroconsult, società che si occupa di analisi di mercato, stima che il valore totale del mercato globale dei servizi di immagini satellitari può raggiungere i 140 miliardi di dollari in quattro anni. Invece, secondo la Bank of America, entro il 2023 il settore spaziale globale potrà valere circa un trilione e mezzo di dollari. La Polonia non è perciò rimasta alla finestra: dal 2014 è operativa la Polsa, agenzia spaziale che coordina tutte le attività del settore nel paese, oltre a preoccuparsi di creare relazioni con i principali operatori europei e americani.

– – –

Immagine dalla pagina Facebook della SatRevolution

Chi è Andrea Rapino

Nato nel 1973 a Lanciano, in Abruzzo, dove vive e lavora come giornalista professionista, si è laureato in Storia a Bologna con una tesi sulla letteratura serba medievale, e ha frequentato la scuola di giornalismo dell'Università di Roma - Tor Vergata. Si occupa di cronaca, sport e cultura per diverse testate locali. Ha iniziato a scrivere per East Journal dal dicembre 2021.

Leggi anche

CINEMA: Cannes – EO, lo Skolimowski sperimentale

Con EO, Skolimowski firma un film che può essere descritto unicamente come il suo più particolare, in qualsiasi senso del termine. Ciò di cui si può essere certi è che è un film che ha una propria anima distinta ed indipendente, e questo da solo rende EO degno di nota ed uno dei film di Cannes 2022 che finora ha destato maggiore curiosità.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: