BIELORUSSIA: Il Coro Libero che canta contro Lukashenko

Il Coro Libero bielorusso, composto da esuli in fuga dal regime, continua a dare voce alle speranze e alla resistenza del popolo bielorusso attraverso la musica…

Le proteste contro il regime di Lukashenko sono state schiacciate, soffocate nel sangue, ma lo spirito che per più di un anno ha animato le contestazioni del popolo bielorusso, non è morto. Scoppiate il 9 agosto 2020, all’indomani delle elezioni presidenziali che hanno visto l’autocrate di Minsk trionfare tra brogli e intimidazioni, le proteste hanno coinvolto tutti i settori della società bielorussa, e la violenza con cui sono state represse – una violenza assurda, indiscriminata, brutale, da macelleria cilena – non ha piegato le coscienze di una popolo che ancora custodisce, nel silenzio del lutto, le proprie speranze.

Così un gruppo di cantanti composto da esuli, fuggiti dal regime, che si fa chiamare il Coro Libero bielorusso, ha scelto di dare voce a quella speranza attraverso la musica. Radio Free Europe ha recentemente pubblicato un video, che qui riprendiamo, con interviste e stralci di esibizioni. L’attività del Coro Libero bielorusso, che oggi si esibisce nelle strade e nei teatri di molte capitali europee, da Varsavia a Berlino, è finalizzata a ricordare e riportare l’attenzione internazionale sulla difficile situazione dei bielorussi, prigionieri di un regime autoritario nel cuore d’Europa. Un regime che sembra aver vinto, ma – come recita la famosa canzone di Sergio Ortega, riproposta in russo dal Coro – el pueblo unido jamás será vencido. Il popolo unito non potrà essere mai sconfitto. La partita contro l’autocrate di Minsk non è ancora chiusa.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e ISPI. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (EastWest, Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra" e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) entrambi per Quintadicopertina editore (2015).

Leggi anche

lukashenko

BIELORUSSIA: Approvata la nuova Costituzione, tra arresti e minacce

Il referendum bielorusso del 27 febbraio scorso ha decretato l'entrata in vigore della nuova Costituzione proposta da Aleksandr Lukashenko. Se da una parte l'entourage del Presidente considera il risultato una conferma del suo ottimo operato, dall'altra la comunità internazionale non ne riconosce la validità.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: