LITUANIA: Un governo in mano ai conservatori

Domenica 25 ottobre si è tenuto il secondo e ultimo turno delle elezioni parlamentari in Lituania. A conferma delle aspettative, i conservatori siglano la vittoria del ballottaggio: l’Unione della Patria – Democratici Cristiani di Lituania (TS-LKD), partito più favorito nei sondaggi preelettorali, si posiziona in testa aggiudicandosi 50 seggi. Secondo posto per il partito in carica, l’Unione dei Contadini e dei Verdi di Lituania (LVZS), con 32 rappresentanze. Seguono il Partito Social-Democratico di Lituania (LSDP) e il Partito Laburista (LP).

Stando ai risultati preliminari, dai conservatori ci si aspetta una coalizione di governo di centrodestra con due partiti liberali. I potenziali alleati sono il Movimento Liberale Lituano (LLM) e il Partito della Libertà (PL), i quali si sono aggiudicati rispettivamente 13 e 11 seggi. Questo significa che all’interno del Sejmas l’alleanza conservatrice avrà 74 rappresentanti su un totale di 141 poltrone.

Il futuro governo

Ingrida Šimonytė, la candidata conservatrice all’incarico di primo ministro, si è dichiarata favorevole a una coalizione con i liberali, rimarcando la sua priorità a riformare il modello di gestione della pandemia, ritenuto poco trasparente ed efficace. Attualmente è il ministro della Salute, Aurelijus Veryga, colui che gestisce la risposta alla crisi sanitaria. Secondo Simonyte di questo compito dovrà essere incaricato il capo del governo.

La proposta di legalizzazione dei matrimoni omosessuali e delle droghe leggere avanzata dal partito Libertà non verranno incluse nel programma di governo – ha dichiarato Simonyte – in quanto troppo distanti dalla politica conservatrice. Ciononostante, è interessante notare come Ausrine Armonaite, capo del Partito Libertà, sia stata eletta al parlamento nella circoscrizione speciale istituita per i lituani che vivono all’estero. La leader liberale ha ricevuto ben oltre 12.900 voti, pari a circa il 53% percento del totale.

Parole di apprezzamento arrivano dal presidente lituano Gitanas Nauseda, il quale ha accolto con favore l’affluenza ai seggi (39,7%) di domenica, apprezzando l’impegno civico dei cittadini nonostante le preoccupazioni legate alla pandemia. Il capo di stato si è dichiarato speranzoso di una “cultura politica più unificante” dal nuovo parlamento.

Composizione del parlamento lituano in seguito alle elezioni di domenica 25 ottobre. Fonte: LRT.

 

Immagine: Twitter.com/Ingridasimonyte

Chi è Gianmarco Riva

Nato in Brianza e cresciuto a Milano, dove si è laureato in Scienze della Mediazione Linguistica e Culturale. Attualmente studia Interdisciplinary Research and Studies on Eastern Europe presso l'Università di Bologna. Da dicembre 2019 collabora con East Journal per la redazione Europa Orientale.

Leggi anche

parlamentari

LITUANIA: Vincitori e vinti al primo turno delle parlamentari

Sul finir di una legislatura piuttosto travagliata, lo scorso 11 ottobre, i cittadini lituani sono stati chiamati alle urne per votare il rinnovo del Seimas, il parlamento nazionale. Sebbene la giornata di domenica abbia segnato solo il primo turno di elezioni parlamentari, con la coalizione di centro sinistra al governo in una corsa serrata contro i conservatori dell’opposizione, possiamo già trarre alcune conclusioni su quelli che sono stati i vincitori e i vinti e su cosa ci si può aspettare per la seconda tornata elettorale prevista il prossimo 25 ottobre.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com