Estonia e USA stanno costruendo una difesa informatica comune

Oltre a permetterci di svolgere una moltitudine di attività e, molto spesso, a semplificarci la vita, la rete informatica riveste un ruolo fondamentale per il mondo intero. Lo spazio cibernetico ha assunto negli ultimi anni crescente rilevanza tanto da essere definito quinto dominio della conflittualità. Dopo i canonici terra, mare, aria e spazio, il cyberspazio costituisce un potenziale campo di battaglia. Alla luce di questo e di precedenti attacchi, l’Estonia e gli Stati Uniti hanno fortificato la loro cooperazione tramite un programma quinquennale di scambio di informazioni su eventuali minacce cibernetiche.

L’accordo

Negli scorsi giorni l’Estonia e gli Stati Uniti hanno raggiunto un’intesa quinquennale per la realizzazione di una piattaforma comune per lo scambio di informazioni su minacce informatiche. La piattaforma verrà sviluppata dalla compagnia estone Cybernetica, già nota per lo sviluppo del software X-Road alla base del sistema informatico nazionale e dell’e-voting, l’apparato per il voto elettronico del Paese. Secondo il direttore del Centro estone per gli investimenti della difesa (ECDI) Kusti Salm, la piattaforma ha come obiettivo lo sviluppo di un sistema automatizzato di intelligence sulle minacce cibernetiche tra i due paesi finalizzato a potenziare le capacità di difesa informatiche di entrambe le parti. Inoltre, Salm ha aggiunto che le cyber minacce sono in continua crescita e non limitate ai confini nazionali. Lo scambio regolare di informazioni sui potenziali attacchi tra i due alleati è uno dei pilastri principali dell’attuale strategia di difesa informatica. Secondo Salm, attualmente nessuna nazione condivide dati sensibili per non palesare le proprie vulnerabilità. L’amministratore delegato di Cybernetica, Oliver Väärtnõu ha descritto il progetto come una storica pietra miliare, la più importante intesa sviluppata nel dominio digitale tra le due nazioni.

Una società digitale

Nel campo della sicurezza e dell’avanguardia digitale la repubblica baltica ricopre un ruolo di leader avendo sviluppato nel corso degli anni numerose iniziative e strategie informatiche. Secondo il ministro degli affari esteri Urmas Reinsalu, l’Estonia è vista come una superpotenza con una visione ampia e strategica del futuro del cyberspazio. Tale fama di leader del settore digitale deriva dalla strategia nazionale di massiva digitalizzazione attuata dagli anni 2000. In Estonia (quasi) tutti i servizi hanno carattere informatico: dal database sanitario nazionale alla residenza elettronica che chiunque può richiedere online in venti minuti, dall’avvio di un’impresa al voto alle elezioni. L’impegno a prevenire minacce di carattere cibernetico è stato profuso in seguito a un attacco hacker nel maggio 2007, secondo molti analisti orchestrato dal Cremlino. L’attacco, durato tre settimane, ha colpito direttamente numerose organizzazioni estoni, agenzie governative e media nazionali riuscendo a paralizzare quasi del tutto l’infrastruttura informatica del paese.

L’attacco informatico è stato un importante campanello d’allarme che ha portato alla creazione nel 2008 del centro di eccellenza della NATO per la difesa informatica (CCDCOE) nella capitale Tallinn. Il centro, già proposto nel 2004 dall’Estonia, è stato istituito 4 anni dopo ed ha subito ricevuto il pieno riconoscimento da parte del Consiglio del Nord Atlantico, ottenendo lo status di organizzazione militare internazionale nel corso dello stesso anno. Il centro, che allo stato attuale comprende 25 Stati membri tra alleati NATO e partner affini, ha la missione di addestrare i tecnici degli stati membri grazie a ricerche ed esercitazioni nel settore della difesa informatica, ricoprendo le 4 aree di interesse: tecnologia, strategia, operazioni e diritto.

Le relazioni bilaterali

Al presente, le relazioni tra i due paesi sono fiorenti e la cooperazione è ai massimi storici. In un incontro con il segretario al commercio statunitense Wilbur Ross a fine ottobre il Primo Ministro estone Juri Ratas ha dichiarato che gli Stati Uniti sono e rimarranno un alleato insostituibile per l’Estonia, con cui il paese ha un forte legame. Ha aggiunto che la piccola repubblica baltica e l’America condividono gli stessi valori e sposano le stesse idee nell’affrontare le nuove sfide del mondo. A questo proposito, l’Estonia organizzerà il prossimo summit dell’Iniziativa dei Tre Mari (3SI) meglio conosciuta come Trimarium, che riunisce 12 stati tra il mar Baltico, Adriatico e Nero.

Il progetto della piattaforma comune, che rappresenta un ulteriore passo nella proattiva collaborazione tra i due paesi, si basa su un accordo di ricerca e sviluppo nel settore della difesa firmato nel 2016 tra il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e il Ministero della Difesa estone. Le due parti hanno dichiarato che se il progetto di information sharing sarà vincente entro tre anni, nuovi paesi potranno entrare a far parte di questa singolare iniziativa.

Foto: Thinkstock

Chi è Lilly Marciante

Leggi anche

ESTONIA: Pensionati a più alto rischio povertà di tutta l’UE

La riforma delle pensioni è stata rinviata al Parlamento. Intanto i pensionati estoni restano a più alto rischio di povertà di tutta l'Unione europea.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: