GRECIA: L'opposizione contro al referendum chiede elezioni anticipate

Antonis Samaras, leader dell’opposizione Nea Dimocratia, si è detto deciso ”ad evitare ad ogni costo” il referendum annunciato ieri sera dal premier Papandreou. Un referendum, da tenersi nelle prossime settimane, sul piano salva Grecia (per i dettagli, vedi qui). Antonis Samaras, alla fine di un incontro avuto stamani con il presidente della Repubblica, Karolos Papoulias, ha invocato elezioni anticipate.

”Papandreou – ha detto fra l’altro Samaras, visibilmente irritato – ha posto un dilemma che può dividere il Paese, un dilemma che mette in pericolo la prospettiva europea della Grecia. Ho spiegato al presidente della Repubblica – ha aggiunto -, che Nea Dimocratia è decisa ad evitare ad ogni costo gli esperimenti”’.

Nelle intenzioni di Samaras potrebbe esservi – secondo quanto scrivono i giornali – anche la richiesta di dimissioni a tutti i deputati del suo partito per ottenere lo scioglimento del Parlamento e il ricorso alle elezioni anticipate.

Il Psok, partito di maggioranza guidato dal premier Papandreu, aveva invitato le opposizioni a partecipare a un esecutivo allargato, proposta più volte rifiutata.

Fonte Ansa

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

I rifugiati afgani tra il muro della Grecia e il marketing di Airbnb

I talebani tornano a Kabul e, mentre la Grecia si affretta a costruire 40 chilometri di muro per cercare di bloccare i profughi, Airbnb dichiara di essere disposta a offrire alloggio gratuito a 20.000 rifugiati afgani. Spot pubblicitario per una compagnia che ancora paga lo scotto del lockdown, ennesimo tentativo di privatizzare una crisi umanitaria o sincera voglia di beneficenza?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com