E-BOOK: La minoranza ungherese in Transilvania, di Silvia Biasutti

Romania: la minoranza ungherese in Transilvania

autore: Silvia Biasutti
titolo: Romania. La minoranza ungherese in Transilvania
prefazione: Aron Coceancig
pagine: 42  collana: (as)saggi

Consulta on-line      –       Scarica in PDF

Dopo la Prima Guerra Mondiale il Trattato di Trianon del 1920 ha assegnato alla Romania alcuni territori dell’antico Regno d’Ungheria, tra cui la Transilvania. Il passaggio, oltre a sconvolgere la popolazione, segna l’inizio di una diffusa “pulizia etnica”, fatta di discriminazioni piccole e grandi. A dispetto della sua appartenenza naturale al territorio e nonostante l’esistenza di un programma europeo che incentiva la cooperazione transfrontaliera ungaro-romena, la minoranza ungherese in Romania ha vissuto anni molto difficili e ancora oggi subisce spesso un trattamento da ospite indesiderato. Dal canto loro gli ungheresi di Translvania, superati gli anni bui del regime di Ceausescu, riscoprono oggi un nazionalismo che preoccupa Bucarest. L’autonomia (alcuni dicono “indipendenza”) della Translvania è all’ordine del giorno nella politica romena post-comunista. Silvia Biasutti ci racconta, in modo semplice ed esaustivo, la storia di questa minoranza cercando infine di delineare una soluzione alternativa al conflitto perenne e alle retoriche di divisione. Qui di seguito l’indice dell’opera:

Prefazione

Tre nazioni, una regione pag.4

di Aron Coceancig

Introduzione pag. 7

Capitolo uno – Nazione e minoranza

1.1 Il concetto di Nazione pag. 10

1.2 Il concetto di Minoranza pag. 11

1.3 Le minoranze nazionali nell’Europa centro-orientale pag. 13

1.4 La Romania e la comunità ungherese: sguardo d’insieme pag. 14

Capitolo due – Elementi storico-politici

2.1 Il 1989 pag. 17

2.2 L’annosa questione transilvanica pag. 18

2.3 L’U.D.M.R pag. 21

Capitolo tre – Vita ungherese in terra romena

3.1 Geografia d’insediamento. Dove vivono gli ungheresi? pag. 23

3.2 Gli Székely pag. 25

3.3 Gli Csángó pag. 30

3.4 Ungheresi e romeni, posizioni a confronto pag. 32

3.5 Istituzioni ungheresi pag. 35

3.6 I mass media pag. 36

3.7 La musica pag. 37

Conclusione – La solidarietà possibile pag. 39

Gli autori pag. 44

Chi è Silvia Biasutti

Leggi anche

Olocausto-in-Romania-una-storia-nazionale-ancora-da-costruire

STORIA: I dimenticati ad est. L’Olocausto in Transnistria degli ebrei di Romania troppe volte negato.

Durante la Seconda guerra mondiale, circa 300.000 ebrei vennero uccisi dalle autorità romene, la maggior parte di loro trovarono la morte nei campi di sterminio di Bogdanovka, in Transnistria, una regione a est del Nistro, all’epoca sotto amministrazione romena. Il Comunismo per quarant’anni ha negato le responsabilità dei romeni nel genocidio degli ebrei, accusando delle deportazioni in Transnistria gli invasori tedeschi e ungheresi. Solo negli ultimi quindici anni, grazie alla Commissione sull’Olocausto in Romania, istituita da Elie Wiesel, il governo romeno ha intrapreso il cammino della responsabilità storica nei confronti degli ebrei e dell’Olocausto.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com