NAGORNO KARABAKH: L'occasione mancata

di Giuseppe Mancini

Un fallimento. Si è infatti concluso con un nulla di fatto il vertice di Kazan in Russia – con la mediazione di Medvedev – tra il presidente armeno Sarkisian e il suo omologo azero Aliyev: che avrebbero invece dovuto approvare le linee guida per la risoluzione del conflitto ormai congelato dal 1994, dopo che un armistizio mise fine a 10 anni di gurra guerregiata.

I due presidenti non avrebbero dovuto firmare la pace, solo un documento su come arrivarci: ma dopo anni di trattative e nonostante l’impegno di Francia, Stati Uniti e Russia, neanche questo primo tassello è andato al suo posto. Il Nagorno-Karabakh, enclave armena in territorio azero, rimane occupata dalle truppe di Yerevan e il conflitto potrebbe riaccendersi da un momento all’altro.

Per la Turchia è un duro colpo: perché la completa normalizzazione dei suoi rapporti con l’Armenia – rapidamente arrestatasi dopo la firma dei protocolli di Zurigo nell’ottobre 2009 – è vincolata al raggiungimento di un’intesa tra quest’ultima e l’Azerbaigian, tradizionale alleato – anzi, “paese fratello” – di Ankara.

Chi è Giuseppe Mancini

giornalista, storico, analista di politica internazionale. Vive a Istanbul: Ha collaborato con East Journal dall'aprile all'ottobre 2011

Leggi anche

TURCHIA: Two-States Solution. I piani di Erdoğan per Cipro

Nel corso degli ultimi mesi il presidente Recep Tayyip Erdoğan è tornato a mettere Cipro prepotentemente al centro dell’agenda della Turchia. La questione cipriota costituisce uno dei fattori determinanti della politica estera turca almeno dagli anni ‘50, ma l’assertività muscolare con cui l’attuale governo sta sostenendo gli interessi turco-ciprioti non ha probabilmente precedenti nell’ultimo trentennio. Erdoğan torna a proporre con forza una «soluzione a due stati» (Two-States Solution) per Cipro, in pieno accordo con l’attuale leader turco-cipriota Ersin Tatar. Un interventismo così duro ed esplicito da parte turca non ha forse precedenti dai tempi della guerra del ‘74 – origine dell’attuale divisione dell’isola – e potenzialmente proietta l’annosa questione cipriota verso una rinnovata situazione di crisi acuta.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com