BIELORUSSIA: Lukashenko sospende la tassa sui parassiti, ma le proteste proseguono

Il presidente bielorusso ha dichiarato lo scorso 9 marzo la sospensione (almeno fino al 2018) del Decreto n°3 ovvero della cosiddetta ‘tassa sul parassitismo. Lukashenko ha inoltre promesso che i cittadini bielorussi che hanno già pagato la tassa per il 2016 verranno rimborsati se trovano un lavoro nel 2017. Dopo le importanti manifestazioni svoltesi a fine febbraio a Minsk e in altre città, il dietrofront di Lukashenko sembrava aver sancito la temporanea vittoria della piazza.

Nonostante ciò, i bielorussi hanno portato avanti le proteste: lo scorso finesettimana tra qualche centinaio ed alcune migliaia di persone si sono radunate nelle città di Maladecna, Pinsk, Orcha, Babruysk, Brest e Rahacov. Il 15 marzo, in occasione del Giorno della libertà – tradizionalmente marcato da manifestazioni degli esponenti dell’opposizione – oltre 2000 persone hanno partecipato ad una nuova “marcia dei non-parassiti” a Minsk.

Inizialmente, il presidente Lukashenko ha tollerato le proteste, limitandosi ad ordinare interrogatori e sanzioni contro 18 partecipanti ad una manifestazione non autorizzata. Ma il tradizionale giro di vite non ha tardato ad arrivare. Secondo Amnesty International, tra il 10 e il 12 marzo scorsi almeno 48 persone sarebbero state arrestate per aver manifestato in maniera pacifica. Ulteriori arresti sono stati effettuati in seguito alle azioni del 15 marzo a Minsk e in altre città, per un totale di 150 persone finite dietro le sbarre dall’inizio delle proteste – secondo quanto riportato da Radio Liberty. 

Tra i detenuti c’è anche Pavel Sevyarynets, membro del partito cristiano-democratico, che partecipava alle proteste a Orcha. Dopo i primi processi tenutisi lunedì 13 marzo, numerosi attivisti e manifestanti sono stati condannati a scontare fino a 15 giorni di carcere. Lukashenko ha commentato ripetendo che “in Bielorussia non ci sarà nessun Maidan”. Tuttavia, il numero e la severità delle sanzioni e degli arresti preventivi sono ancora di gran lunga inferiori a quelli messi in atto dopo le grandi proteste post-elettorali del 2010.

E’ importante sottolineare, come l’hanno fatto alcuni osservatori, che le proteste delle ultime settimane in Bielorussia sono spontanee e nate dal basso, non dirette dai leader dell’opposizione, sebbene questi le abbiano rapidamente appoggiate e portate in spalla. E’ la deprivazione economica a spingere i bielorussi, tradizionalmente ‘passivi’, a partecipare alle proteste: i manifestanti sono principalmente persone di mezza età che si lamentano della mancanza di lavoro e di opportunità, indignati da una tassa che li obbliga a pagare per la propria disoccupazione. La natura del conflitto sociale e le recenti tensioni nei rapporti tra Minsk e Mosca sembrerebbero spingere Lukashenko ad agire con cautela nei confronti dei manifestanti: una repressione violenta delle proteste rischierebbe infatti di creare instabilità e di offrire a Mosca un pretesto per intervenire.

Gli arresti e le intimidazioni degli ultimi giorni si saranno rivelati efficaci nel contenere la ribellione del popolo bielorusso? Non secondo quanto dichiarato da Nikolai Statkevic, leader dell’opposizione: egli prevede infatti che la partecipazione popolare aumenterà in maniera significativa nel corso della prossima manifestazione, fissata per il 25 marzo.

Foto: Radio Free Europe / Radio Liberty

Chi è Laura Luciani

Nata a Civitanova Marche il giorno in cui tre presidenti riuniti in una dacia firmavano un accordo sulla dissoluzione dell'URSS. Attualmente è dottoranda in scienze politiche presso la Ghent University (Belgio), con una ricerca sulle politiche dell'Unione europea per la promozione dei diritti umani e il sostegno alla società civile nel Caucaso meridionale. Oltre a questi temi, si interessa di spazio post-sovietico in generale, di femminismo e questioni di genere, e a volte di politiche linguistiche. E' co-autrice del programma "Kiosk" di Radio Beckwith.

Leggi anche

tortura TV stato

BIELORUSSIA: Tortura e violenza gratuita in diretta alla TV di stato

Il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che condanna il governo del presidente Aleksandr Lukashenko per "continue gravi violazioni dei diritti umani", mentre ogni forma di tortura nei confronti del popolo bielorusso raggiunge, addirittura, la televisione di stato.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com