GEORGIA: Niente rapporti diplomatici con la Russia

Russia e Georgia continuano a guardarsi in cagnesco. I rapporti diplomatici fra i due paesi, infatti, non possono essere ristabiliti in un prossimo futuro. È quanto inequivocabilmente si deduce da una risoluzione che nei giorni scorsi è stata adottata dal parlamento georgiano e definisce le direttive fondamentali della politica estera del paese. Essa consta di 19 punti ed è stata approvata da tutti i 96 deputati.

I punti che riguardano la Russia hanno il seguente tenore: “La Georgia non può intrattenere rapporti diplomatici, ovvero non può trovarsi in un’alleanza politico-militare o doganale a fianco di paesi che riconoscono l’indipendenza dell’Abkhazia o del Distretto di Tskhinvali (Ossezia Meridionale), ovvero con paesi che occupano territorio georgiano“. Evidentemente il riferimento è alla CSI, CSTO (ODKB), nonchè alle unioni Eurasiatica (propagandata da Vladimir Putin) e Doganale.

Un altro punto del documento programmatico afferma: “La Georgia manterrà il dialogo con la Russia sia utilizzando i meccanismi internazionali nell’ambito delle discussioni di Ginevra, sia in formato bilaterale. Lo scopo di questo dialogo è la regolazione del conflitto, la preparazione e lo sviluppo di rapporti di buon vicinato“.

La risoluzione è il risultato di un consenso fra la maggioranza parlamentare di Kartuli otsneba (Sogno Georgiano) del premier Bidzina Ivanishvili e la minoranza del Movimento Nazionale di opposizione che fa capo al presidente Mikheil Saakashvili.

Fra i compiti della politica estera della Georgia vengono citati: “la creazione di garanzie per la sicurezza del paese, per la difesa della sua indipendenza e sovranità, per la de-occupazione dei territori della Georgia e la restaurazione dell’integrità territoriale del paese nell’ambito di frontiere riconosciute internazionalmente”.

Con l’adozione delle risoluzione sulla Russia e la politica estera, per la prima volta dopo sei mesi di scontro Saakashvili ed il suo oppositore Ivanishvil hanno trovato un punto di intesa. Nello stesso tempo molti osservatori ritengono che la risoluzione adottata dal parlamento azzeri le prospettive di normalizzazione dei rapporti russo-georgiani che Ivanishvili aveva indicato come una delle sue priorità.

Tuttavia nella coalizione di governo c’è chi consiglia, in ogni caso, di non attribuire al documento un eccessivo peso. “Esso non impedirà in nessun modo lo sviluppo di legami culturali ed economici con la Federazione Russa e neppure il dialogo in generale”, ha assicurato Viktor Dolidze, deputato del Sogno Georgiano ed ex ambasciatore presso l’OSCE. Tuttavia anch’egli ha confermato che “nelle attuali condizioni politiche e militari è impossibile ristabilire i rapporti diplomatici con la Federazione Russa”.

Le priorità fondamentali della politica estera georgiana continuano a rimanere l’ingresso nella NATO e nell’Unione Europea. La Georgia, prosegue il documento, condurrà trattative con le organizzazioni indicate circa “le modalità e le scadenze” dell’adesione a pieno titolo di Tbilisi. Per adesso la Georgia intende “continuare a partecipare alle operazioni internazionali di peace keeping, sia di polizia che civili”. La Georgia, prosegue la risoluzione, intraprenderà ulteriori passi per “edificare e rafforzare gli istituti democratici, affermare la supremazia della legge e dei diritti umani con lo scopo di assicurare l’irreversibilità di uno stabile sviluppo economico”.

Foto: Monumento all’amicizia russo-georgiana, Mosca. Carlfbagge, Flickr

Chi è Giovanni Bensi

Nato a Piacenza nel 1938, giornalista, ha studiato lingua e letteratura russa all'Università "Ca' Foscari" di Venezia e all'Università "Lomonosov" di Mosca. Dal 1964 è redattore del quotidiano "L'Italia" e collaboratore di diverse pubblicazioni. Dal 1972 è redattore e poi commentatore capo della redazione in lingua russa della radio americana "Radio Free Europe/Radio Liberty" prima a Monaco di Baviera e poi a Praga. Dal 1991 è corrispondente per la Russia e la CSI del quotidiano "Avvenire" di Milano. Collabora con il quotidiano russo "Nezavisimaja gazeta”. Autore di: "Le religioni dell’Azerbaigian”, "Allah contro Gorbaciov”, "L’Afghanistan in lotta”, "La Cecenia e la polveriera del Caucaso”. E' un esperto di questioni religiose, soprattutto dell'Islam nei territori dell'ex URSS.

Leggi anche

GEORGIA: Le proteste continuano, interviene Putin

Le proteste a Tbilisi contro l'occupazione russa continuano dal 20 giugno, mentre il Cremlino vieta i voli per la Georgia.

2 commenti

  1. Il partito di Ivanishvili si chiama “Kartuli Otsneba”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: