Verso le elezioni del 1° ottobre

a cura di Michael Biasin, corrispondente da Tbilisi

Quello georgiano è uno Stato antichissimo, disgregatosi nel XIII° secolo e ricostituitosi solo nel secolo scorso. Per secoli i georgiani sono rimasti sotto il dominio dell’impero russo e i rapporti con Mosca sono il leit-motiv della storia della Georgia. Con la rivoluzione sovietica, dopo una breve indipendenza, il Paese divenne una repubblica socialista e fu solo con la caduta dell’Urss che tornò alla piena indipendenza. Tuttavia con l’indipendenza si svilupparono conflitti separatisti nelle regioni dell’Abcasia e dell’Ossezia del Sud, autoproclamatesi indipendenti. Nel 2004 la Rivoluzione delle Rose ha portato al potere il presidente Mikheil Saakašvili, provocando al contempo un ulteriore allontanamento politico da Mosca. Nel 2008 Tbilisi e Mosca entrarono in conflitto: il casus belli furono proprio le province separatiste di Abcasia e Ossezia. 

Dal 2004 il Paese è guidato da Mikheil Saakašvili, considerato da molti osservatori un populista, è da molti accusato di essere il responsabile del conflitto russo-georgiano. Benché fortemente osteggiato dalle opposizioni, ha vinto anche le  contestate elezioni del 2008. Il 1° ottobre prossimo si voterà nuovamente ma questa volta Saakašvili si trova come rivale il miliardario Bidzina Ivanishvili, uomo che si vocifera essere vicino a Mosca, capace di unire le opposizioni e di far presa sull’elettorato anche grazie a testimonial come Kaka Kaladze, celebre calciatore del Milan.

Verso il voto, tra manifestazioni, violenze e scandali ad hoc

Mikhail Saakashvili – fonte NY Times

Vince il miliardario Ivanishvili

Urne aperte, i partiti mostrano i muscoli mentre l’Europa spinge sulla continuità

La Francia accorre in aiuto di Saakashvili spingendolo verso la riconferma

Caos, abusi, proteste, manifestazioni e la Russia ammassa soldati al confine

Abusi sui detenuti, manifestazioni di piazza. Saakashvili sembra avere i giorni contati

Il Paese è sotto shock, scopre la sua Abu Ghraib di violenza e tortura

“Amnesty International” contro le persecuzioni politiche pre-elettorali

 

La paura di Saakashvili

Il parlamento non è più a Tbilisi. Quando il potere ha paura

Crollo di consensi per il presidente Saakashvili

Il milionario Ivanishvili – fonte La Press

Il miliardario Ivanishvili, uomo del Cremlino alle prossime elezioni, porterà Tbilisi verso Mosca?

Ivanishvili ed il suo “sogno georgiano”. L’utopia di un milionario?

Il “sogno georgiano” alla prova della piazza

L’ex calciatore Kaladze scende in campo, quello della politica s’intende

 

Un passo indietro: la guerra russo-georgiana

La guerra tra Russia e Georgia, un conflitto mai finito. Come si svolsero i fatti, come sarà il futuro

Profughi in casa. La drammatica condizione dei profughi interni e la rude risposta di Tbilisi

 

La Rivoluzione delle Rose è appassita?

Cosa resta della Rivoluzione delle Rose? La politica estera di Tiblisi

Chi è Michael Biasin

Leggi anche

GEORGIA: Proteste omofobe alla première del film “And Then We Danced”

Centinaia di manifestanti di estrema destra e conservatori sono scesi in strada questo fine settimana a Tbilisi nel tentativo di bloccare la proiezione di "And Then We Danced", film di formazione in cui la danza tradizionale georgiana incontra le tematiche LGBT.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: