CALCIO: Presidente donna e match analysis, la sorpresa Nieciecza nel campionato polacco

Un paesino quasi anonimo, 700 anime circondate da campi di grano, dalla riva del fiume Dunajec e da una grande fabbrica di materiali edili, che dà lavoro a buona parte degli abitanti della provincia. È qui però che è nato un miracolo del calcio polacco. Una “start-up” del pallone, un polo innovativo che ora punta a prendersi la Polonia. A Nieciecza infatti la squadra di casa non solo ha raggiunto il massimo campionato (l’Ekstraklasa), ma si trova addirittura in quinta posizione e le ambizioni guardano all’Europa. Il tutto nasce dalla visione dell’imprenditore locale Krzystof Witowski, proprietario della fabbrica cittadina di materiale edile, la Bruk-Bet.

La squadra ha fatto una scalata relativamente rapida dai dilettanti fino al massimo campionato. Tuttavia questa è avvenuta sempre con investimenti oculati e senza mai fare passi troppo lunghi. Quest’anno, dopo la prima stagione nella massima serie conclusa al tredicesimo posto, si è iniziato a fare sul serio: attualmente la squadra occupa il quinto posto in classifica.

Il Presidente del club è la moglie di Krzystof Witowski, Danuta. Non una semplice prestanome, ma vera e propria anima. È lei che si occupa di tutta l’amministrazione del club, che funge da riferimento al Direttore Sportivo e che conduce in prima persona le trattative e la gestione del budget. È la prima presidente donna ad un livello così alto, ma il suo approccio diretto e competente l’ha fatta diventare una delle persone più influenti del calcio polacco.

A fare grande il Nieciecza non sono stati gli investimenti sui giocatori. Il progetto di Witowski infatti guarda alla gestione dei top club europei, soprattutto in fatto di tecnologia, match analysis e ottimizzazione dei costi.

A guidare la squadra è stato chiamato Czesław Michniewicz, detto il Mourinho polacco per via della sua propensione alla tattica e al lavoro sul sistema difensivo: «Lavoriamo in modo diverso alle altre squadre del paese. In collaborazione con LongoMatch (forse il più famoso software di match analysis) ci siamo fatti fare un programma che soddisfi appieno i nostri bisogni. Filmiamo regolarmente gli allenamenti coi droni e i nostri collaboratori studiano i metodi della Premier League: vogliamo lavorare sulla tattica come i top team europei. Questo ci ha permesso di esser nelle prime posizioni senza avere un budget come le “grandi” di Polonia».

I frutti del buon lavoro sembrano ormai essere sbocciati nella piccola campagna polacca. Per via della sua posizione geografica infatti risultava difficile convincere un giocatore a spostarsi in quel lembo di terra circondato da campi: «Ora però la situazione sta cambiando – spiega Michniewicz – sempre più agenti vogliono portare i loro giocatori qui». I motivi sono facili da intuire. Il metodo di lavoro permette a molti giocatori di crescere tatticamente e inoltre gli stipendi arrivano sempre puntuali e come prestabilito, cosa non sempre scontata nel campionato polacco, sul quale ogni tanto si abbattono inchieste su fondi neri e corruzione.

Una concezione del calcio improntata sul futuro, che si beffa delle dimensioni. Spesso paragonati all’Hoffenheim, a differenza del club tedesco – che si trova in una regione ricchissima, densamente popolata e che ha accesso a fondi quasi illimitati – il Nieciecza, pur partendo da una buona base finanziaria, è riuscito a ottimizzare il tutto, puntando sull’innovazione.

L’ambiente familiare fa molto: «Siamo in pochi e questo aiuta – ha dichiarato Witowski – si crea un rapporto umano più forte e questo è molto importante per avere successo». Il piccolo paese conquisterà la Polonia e finirà in Europa? I segnali ci sono, ma la strada è lunga.

Foto: Bruk-Bet Nieciecza (Facebook)

Chi è Alessandro Camagni

Author Image
Nato a Cantù nel 1991. Laureato in Scienze Internazionali e Istituzioni Europee all'Università Statale di Milano con una tesi sull'ascesa e il declino del movimento "Solidarnosc" in Polonia. Scrive su "La Provincia di Como", "Il Fatto Quotidiano" e ha collaborato con "Gazzetta TV" .

Leggi anche

Iran pallavolo diritti femminili Human Rights Watch

PALLAVOLO: L’Iran apre un evento sportivo al pubblico femminile

La pressione della FIVB e di Human Rights Watch ha costretto le autorità iraniane ad ammettere il pubblico femminile in occasione di un torneo di beach volley maschile, spezzando il divieto in vigore dal 2012. Quanto terrà questa apertura?

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com