FOTOGRAFIA: Svay Pak, la strada della prostituzione in Cambogia

Dove c’era un bordello ora c’è un asilo. Se una quindicina di anni fa qualcuno nominava Svay Pak, la persona all’ascolto avrebbe fatto un ghigno e l’occhiolino. Svay Pak era una metà di turismo sessuale nazionale ed internazionale. I locali potevano trovare ampia scelta e gli stranieri cercavano qui la compagnia di bambini di nove anni per 3 dollari, le vergini venivano pagate fino a 500 dollari. Il villaggio, a maggioranza vietnamita, era un prostibolo ventiquattro ore su ventiquattro.

Svay Pak si sviluppa 11 km a nord di Phnom Penh, lungo la trafficata statale che porta verso il nord ovest della Cambogia. Da un lato il Mekong e le case su palafitte, dall’altro le viette fatiscenti del centro cittadino con il suo mercato coperto immerso nel fango.

svay_pak-6
Una giovane donna con suo figlio al mercato coperto di Svay Pak

 

Kha Ly vive qui da 34 anni. Come la maggior parte dei vietnamiti, ha dovuto lasciare la Cambogia a seguito del colpo di stato di Lon Nol nel 1970 ed è ritornata nel 1979 dopo la caduta di Pol Pot. “Inizialmente la nostra comunità si era insediata in un quartiere di Phnom Phen, solo nel 1982 ci siamo trasferiti qui a Svay Pak”, spiega la signora Ly, “il problema della prostituzione c’era già quando eravamo in città, ma i posti adibiti erano stanzette piccole nascoste dietro ai caffè. Quando ci siamo trasferiti qui, gli ampi locali e il minor controllo da parte delle forze dell’ordine hanno aumentato notevolmente il traffico. Le case di malaffare hanno iniziato a spuntare come funghi, in poco tempo la città ne era invasa”.

svay_pak-19
Kha Ly, cambogiana di etnia vietnamita, ha vissuto il passato e il presente di Svay Pak

 

Le famiglie del luogo vendevano i propri figli in cambio di somme in denaro che variavano dai 50 ai 3000 dollari americani. I portoni in ferro dei piani terra si aprivano sulle stradine del centro e gli avventori potevano farsi un’idea della “merce” che avrebbero trovato all’interno. Un inferno creato dall’uomo in un paese che era uscito da poco dal un altro inferno, quello dei Khmer Rossi. Dopo numerosi articoli di giornale e gli occhi puntati della comunità internazionale, quei posti sono stati chiusi e alcune ONG sono in loco come osservatori.

La via centrale di Svay Pak
La via centrale di Svay Pak

Chantu Sok è una maestra. “Quando ero piccola vendevo la frutta in paese”, spiega, “ai miei genitori è stata fatta la proposta di mandarmi a lavorare nei bordelli, ma hanno rifiutato. Successivamente iniziai a frequentare la chiesa locale, la gente non vedeva di buon occhio il posto, perché nelle case attorno all’edificio si prostituivano”.

Giovani allievi in uno dei tre asili di Svay Pak
Giovani allievi in uno dei tre asili di Svay Pak

 

Oggi nel villaggio ci sono tre asili dove i bambini vietnamiti possono imparare la lingua Khmer, consentendo loro di accedere a livelli più alti d’istruzione che altrimenti gli sarebbe negata.

Girando per la città sicuramente l’aria non è viziata come qualche tempo fa, ma calata la notte, i vecchi imprenditori della prostituzione hanno trovato nel mercato della droga un proficuo ripiego. E così, le vie che danno sulla statale si popolano di acquirenti provenienti dalla vicina capitale.

Sembra che a Svay Pak la strada per una qualche sorta di normalità sia ancora lunga.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chi è Mattia Marinolli

Author Image
Da oltre dieci anni lavora nel campo della comunicazione e dei media, passando dalla radio, al giornale per poi arrivare nel 2009 alla fotografia professionale. Il suo interesse è rivolto soprattutto al fotogiornalismo e alla fotografia sociale.

Leggi anche

FOTOGRAFIA: La Cecenia di Davide Monteleone

Davide Monteleone è un fotografo e documentarista. Con Spasibo (2013) è andato alla scoperta della Cecenia, per cercare di definire l'identità di un popolo sconvolto da due guerre civili e alla continua ricerca di tranquillità

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com