GRECIA: Gli spari sopra. Colpi di kalashanikov verso la residenza dell'ambasciatore tedesco

La notizia è del 30 dicembre, ma è passata un po’ in sordina (come molto di quanto accade in Grecia, ma gli italiani non vanno allarmati, si sa): alcuni colpi di kalashnikov hanno raggiunto l’abitazione dell’ambasciatore tedesco ad Atene. Quando la polizia è intervenuta, mettendo in sicurezza l’area, ha rinvenuto ben cinquanta bossoli. Gli attentatori sono scappati in motocicletta.

Non è la prima volta che la residenza della ambasciata tedesca ad Atene viene presa di mira. Già nel 1999 era stata attaccata dal gruppo di estrema sinistra 17 novembre. Anche oggi si segue la pista anarchica ma le cose sono molto cambiate nel paese. L’estrema sinistra, tradizionalmente molto attiva nel paese, non è oggi l’unica frangia radicale da cui guardarsi e il diffuso anti-germanismo potrebbe aver fatto la sua parte. Non sono in pochi, a torto o a ragione, quelli che in Grecia contestano la politica del rigore di Bruxelles imputandola alla Germania della Merkel.

Un brutto segno, comunque, per un paese che comincia così la sua presidenza di turno del Consiglio dell’Unione Europea.

Foto: EPA/ORESTIS PANAGIOTOU

Chi è Matteo Zola

Matteo Zola
Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

Ayvalık e Mitilene, due facce dello stesso mare

Ayvalık e Mytilini, sulla costa turca e greca del mare Egeo settentrionale, condividono un passato multietnico ottomano la cui dolorosa fine continua ad essere oggetto di memoria culturale e personale.

Un commento

  1. I Greci sono stati fin troppo BUONI finora !
    Non c’è da meravigliarsi di queste reazioni…sono state provocate e adesso non bisogna lamentarsi !

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com