GEORGIA: Zurabishvili è il nuovo presidente, superato al ballottaggio il candidato dell’opposizione

Salome Zurabishvili è il nuovo presidente della Georgia. Al ballottaggio di mercoledì la candidata indipendente appoggiata dal partito di governo del Sogno Georgiano ha infatti prevalso con il 59.52% delle preferenze contro il 40,48% di Grigol Vashadze, candidato del Movimento Nazionale Unito, partito dell’opposizione.

Il voto

Le ultime elezioni presidenziali a suffragio diretto (a partire dal 2024 il presidente della repubblica caucasica sarà scelto da un collegio speciale) avevano visto al primo turno un testa a testa proprio tra Zurabishvili e Vashadze, arrivati a ottenere rispettivamente il 38,64% e 37,74% dei voti. Male invece il candidato di Georgia Europea, Davit Bakradze, fermatosi al 10,97% delle preferenze.

Dato che nessun candidato è riuscito ad ottenere la maggioranza assoluta dei voti, necessaria all’elezione, il nome del successore di Giorgi Margvelashvili si è dovuto decidere al ballottaggio.

In vista del secondo turno, Vashadze contava sui voti dell’elettorato di Bakradze: a luglio i due leader dell’opposizione avevano infatti firmato un accordo con il quale promisero di sostenersi l’un l’altro nel caso uno di essi dovesse arrivare al ballottaggio; promessa poi rinnovata una volta resi noti i risultati del primo turno.

Alla fine tale accordo sembra essere stato effettivamente rispettato, come dimostrano i circa 180.000 voti guadagnati dal candidato del Movimento Nazionale Unito rispetto al primo turno (i voti in dote a Georgia Europea erano circa 175.000).

Tuttavia, la ritrovata unità all’interno dell’opposizione non è bastata per interrompere l’egemonia del Sogno Georgiano. A decidere il ballottaggio è stato infatti il significativo incremento dell’affluenza: se al primo turno si era recato alle urne il 46,83% degli aventi diritto di voto, in occasione del secondo turno questa percentuale è cresciuta di quasi dieci punti, arrivando a toccare il 56,23%.

Tale incremento ha giocato decisamente a favore di Zurabishvili, che è riuscita quasi a raddoppiare i voti ottenuti al primo turno (passando da 615.000 a 1.148.000), surclassando l’avversario e diventando così il primo presidente donna della storia della Georgia (la cerimonia d’insediamento ufficiale avverrà il prossimo 16 dicembre a Telavi).

Chi è Emanuele Cassano

Ha studiato Scienze Internazionali, con specializzazione in Studi Europei. Per East Journal si occupa di Caucaso, regione a cui si dedica da anni e dove ha trascorso numerosi soggiorni di studio e ricerca. Dal 2016 collabora con la rivista Osservatorio Balcani e Caucaso.

Leggi anche

GEORGIA: Le proteste continuano, interviene Putin

Le proteste a Tbilisi contro l'occupazione russa continuano dal 20 giugno, mentre il Cremlino vieta i voli per la Georgia.

Privacy Preference Center

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: