OSSEZIA DEL SUD: Inaugurata rappresentanza a Roma, ma l’Italia sta con la Georgia

Sabato 2 aprile si è svolta a Roma l’inaugurazione della prima rappresentanza in Italia della Repubblica dell’Ossezia de Sud, piccola regione del Caucaso meridionale separatasi all’inizio degli anni Novanta dalla Georgia e tutt’ora in cerca di riconoscimento internazionale.

L’evento è stato voluto e organizzato dal rappresentante dell’Ossezia del Sud in Italia Mauro Murgia, il quale ha parlato dell’inaugurazione della rappresentanza come di un premio “dopo anni di lavoro e di impegno, affinché l’Italia conoscesse la storia e le giuste richieste della Repubblica di Ossezia del Sud”. Sempre secondo Murgia la neonata rappresentanza “offrirà assistenza a tutti gli ossetini in Italia e a tutti gli amici dell’Ossezia del Sud. Fornirà, inoltre, informazioni sulle possibilità di sviluppo economico e finanziario in Ossezia del Sud e darà assistenza per la richiesta dei visti, per turismo e per affari”. Alla cerimonia di inaugurazione ha partecipato anche il vice-ministro degli Esteri sud-osseto, in collegamento via Skype da Tskhinvali.

Dopo essersi proclamata indipendente dalla Georgia nel 1991, in seguito al collasso sovietico, per arrivare a prendere il pieno controllo del suo attuale territorio l’Ossezia del Sud è dovuta passare attraverso due conflitti armati con Tbilisi, nel 1991-92 e nel 2008. Al termine del secondo conflitto con la Georgia l’Ossezia del Sud ha ottenuto il riconoscimento ufficiale della Russia e di altri tre paesi delle Nazioni Unite, ovvero Venezuela, Nicaragua e Nauru, più Vanuatu e Tuvalu che hanno però successivamente ritirato il loro riconoscimento. Il resto della comunità internazionale, Italia compresa, continua però a sostenere l’integrità territoriale della Georgia, considerando l’Ossezia del Sud come parte di essa.

Proprio per questo motivo l’inaugurazione della rappresentanza sud-osseta a Roma è stata osteggiata dal Ministero degli Affari Esteri italiano, che attraverso un comunicato ufficiale ha ribadito la propria posizione sulla questione del riconoscimento dell’indipendenza dell’Ossezia del Sud; posizione condivisa dall’Unione Europea e dalla maggior parte dei paesi delle Nazioni Unite. Nello stesso comunicato la Farnesina ha inoltre ricordato il proprio appoggio agli sforzi negoziali nel quadro dei Colloqui di Ginevra, che mirano a consolidare il dialogo tra la Georgia e le sue regioni separatiste. Il Ministero degli Affari Esteri ha inoltre aggiunto che la rappresentanza appena inaugurata e il suo titolare non godranno di nessun riconoscimento né di alcuno status diplomatico.

Nonostante la contrarietà della Farnesina, da diversi anni i rappresentanti dell’Ossezia del Sud in Italia stanno cercando di convincere il Ministero degli Affari Esteri a prendere in considerazione la questione del riconoscimento della piccola repubblica caucasica, iniziando anche a stringere gemellaggi con alcune città italiane. Gli stessi tentativi vengono fatti anche da parte sud-osseta; lo scorso ottobre, ad esempio, una delegazione del partito di governo “Ossezia Unita” guidata da Anatoliy Bibilov, presidente del Parlamento di Tskhinvali, si è recata a Milano presso la sede della Lega Nord, accolta da Matteo Salvini, che nel corso dell’incontro ha promesso di sollevare la questione del riconoscimento dell’Ossezia del Sud in Parlamento.

Chi è Emanuele Cassano

Ha studiato Scienze Internazionali, con specializzazione in Studi Europei. Per East Journal si occupa di Caucaso, regione a cui si dedica da anni e dove ha trascorso numerosi soggiorni di studio e ricerca. Dal 2016 collabora con la rivista Osservatorio Balcani e Caucaso.

Leggi anche

GEORGIA: Osservatori UE detenuti al confine con l’Ossezia del Sud

Il 24 ottobre le forze di sicurezza armate dell’Ossezia del Sud hanno brevemente detenuto un gruppo di osservatori civili disarmati della Missione di Monitoraggio dell'Unione Europea (EUMM) in Georgia. Un incidente che si iscrive in un contesto di tensione e di "frontierizzazione" strisciante tra Tbilisi e Tskhinvali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: