AUSTRIA: La grande coalizione tiene alle urne, l'ultradestra avanza

La grande coalizione tra SPÖ e ÖVP perde voti ma mantiene la maggioranza. Terzo partito la destra della FPÖ, quarti i Verdi. La BZÖ haideriana scende ad un terzo dei voti del 2008 ed è fuori dal Nationalrat, a favore degli euroscettici del Team Stronach e dei liberali di NEOS che passano la soglia del 4%. I prossimi cinque anni potrebbero essere gli ultimi, per l’alleanza tra popolari e socialdemocratici a Vienna.

I dolori della grande coalizione al governo. L’ultradestra avanza, anche se perde pezzi

Devono aver tirato un sospiro di sollievo i vertici di SPÖ e ÖVP, domenica sera: la grande coalizione a guida socialdemocratica che governa l’Austria dal 2006 soffre ma mantiene per un pelo la maggioranza del Nationalrat, il parlamento viennese, con 98 seggi su 183. Entrambi i partiti perdono terreno (meno 4 seggi i socialdemocratici, meno 5 seggi i popolari ), ma insieme si garantiscono il voto del 50,9% dei cittadini austriaci. Il peggior risultato dalla fine della seconda guerra mondiale, ma abbastanza per proseguire con lo stesso governo a guida Feynmann-Spindelegger. I due leader dovranno però darsi una mossa, se non vogliono che questa sia l’ultima elezione vittoriosa dei prossimi decenni, per i loro partiti: “Gli elettori ci hanno dato un avvertimento. Non possiamo continuare come prima”, ha commentato Spindelegger.

Alle loro spalle sta l’ultradestra, la FPÖ che si assicura 43 seggi (+9) e il consenso del 21,4% degli elettori. Il partito oggi guidato dal 44enne Heinz-Christian Strache (HC per gli amici) ha ormai superato lo shock della morte di Joerg Haider nel 2008 e della scissione dei neo-haideriani della BZÖ. I suoi livelli di consenso non sono ancora quelli del 1999, quando Haider arrivò a raccogliere il 26,9%, ma neppure quelli del 2002, quando il partito crollò al 10% a seguito del Knittefeld Putsch. Con uno stile in continuità con Haider, Strache ha fatto appello ai voti dei giovani e delle regioni rurali, con un discorso semplice e centrato sulla priorità dei diritti degli austriaci rispetto agli immigrati, l’illegalità dei bail-out europei e la possibilità che il suo paese abbandoni l’euro.

Proprio la BZÖ a queste elezioni scompare dal Parlamento, vedendo il proprio consenso ridotto ad un terzo di quello del 2008, dal 10,7% al 3,6%. Tutti voti che sono rientrati in seno alla FPÖ, ma anche che si sono suddivisi tra i nuovi partiti presenti alle elezioni: gli euroscettici del Team Stronach e i liberali di NEOS.

Le novità della tornata elettorale: l’ingresso degli euroscettici e il ritorno dei liberali

Per la prima volta da decenni, infatti, due nuovi partiti entrano in Parlamento. Da una parte il movimento fondato dall’81enne miliardario austro-canadese Frank Stronach, già politico conservatore in Canada, che raccoglie il 5,79% dei voti e si garantisce 11 seggi. Il Team Stronach, benché fondato solo un anno fa, ha già potuto godere del generoso finanziamento pubblico austriaco grazie alla defezione a suo favore di 5 parlamentari BZÖ della scorsa legislatura. Con una piattaforma politica euroscettica e populista, che non si allontana troppo da quella dei vicini tedeschi di Alternative für Deutschland, Stronach propone il ritorno allo scellino, il taglio della burocrazia statale e una flat-tax sui redditi al 25%, oltre alla fine della coscrizione obbligatoria e l’uso di elezioni primarie. A differenze dei post-haideriani di FPÖ e BZÖ, il Team Stronach non è contrario all’immigrazione.

Alle spalle di Stronach, entra al parlamento viennese anche il movimento liberale NE.OS. (Nuova Austria) con 4,8% di voti e 9 seggi. Fondato sul Liberal Forum (LiF) e sui Giovani Liberali (JuLis), NEOS potrebbe essere definito un partito “liberale, liberista e libertario”: tra i punti programmatici del Liberal Forum vi sono la promozione delle privatizzazioni, la liberalizzazione delle droghe leggere e degli orari di apertura dei negozi, l’uguaglianza di diritti per gli omosessuali e l’innalzamento della soglia d’età per il diritto di voto (in Austria possono votare alle elezioni anche i sedicenni). Se dovesse consolidarsi nella politica austrica, NEOS potrebbe riprendere la postazione centrista dei liberali, espulsi dal Parlamento da Haider negli anni ’90, e costituire un naturale futuro alleato per i popolari se non per la grande coalizione.

Infine, il quarto partito del paese si confermano i Verdi, con l’11,5% dei voti e 22 seggi, due in più della volta scorsa, ormai consolidati come una delle quattro maggiori forze politiche del paese. Se anche loro dovessero continuare a crescere in futuro, la politica austriaca attualmente sulla difensiva potrebbe tornare ad una dialettica politica tra un campo progressista (socialdemocratici e verdi) e un campo conservatore (popolari e liberali), con i populisti (FPÖ e Team Stronach) come opposizioni non coalizzabili.

 Foto: DiePresse.com

Chi è Davide Denti

Dottore di ricerca in Studi Internazionali presso l’Università di Trento, si occupa di integrazione europea dei Balcani occidentali, specialmente Bosnia-Erzegovina.

Leggi anche

Lutero, la propaganda e la finanza. Una storia (troppo?) moderna

Propaganda, potere finanziario, trame politiche. Uno scorcio di Cinquecento che somiglia tanto ad oggi, quando era già "la stampa, bellezza". Protagonisti un arcivescovo senza scrupoli, un giovane teologo, dei banchieri di Augusta, un tipografo di Wittenberg. Buona lettura ...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: