Corruzione di testimoni. Sotto accusa Carla del Ponte, colei che portò Milosevic alla sbarra

Carla del Ponte è stata procuratore del Tribunale internazionale dell’Aja dal 1999 al 2007, di origini ticinesi ha prima di quella data ricoperto incarichi nella magistratura elevetica di cui è stata procuratore capo. E’ nota per avere portato alla sbarra i criminali di guerra dell’ex-Jugoslavia, tra cui l’ex presidente serbo Milosevic. Carla del Ponte e il suo team sono ora indagati per avere utilizzato metodi poco ortodossi nel reperimento di prove e nell’interrogare i testimoni: pressioni psicologiche, privazione del sonno, minacce, corruzione.

A riferirlo è The Guardian. I giudici del tribunale delle Nazioni Unite contro i crimini di guerra per l’ex Jugoslavia a L’Aia -lo stesso tribunale per cui lei lavorava- hanno ordinato un’inchiesta indipendente sulle pratiche usate sia da Carla Del Ponte, sia dai pubblici ministeri Hildegard Ürtz-Retzlaff e Daniel Saxon, per ottenere informazioni dai testimoni. L’inchiesta è scatatta a seguito delle denunce di alcuni testimoni.

Occorre dire che in questi otto anni Carla del Ponte si è fatta nemici un po’ ovunque, e dalle colonne dei giornali questo s’intuisce bene: c’è chi la difende (pochi) e chi si frega le mani (molti) descrivendone il temperamento iroso e autoritario. C’è chi plaude alla notizia, specie nei Balcani, rammentando le “fallimentari inchieste del procuratore” e il “processo farsa” a Milosevic. Dalla Francia alla Serbia uno stormo di avvoltoi si è lanciato sulla carcassa del magistrato elvetico antipatico soprattutto all’elite kosovara (e a chi la sostiene). L’Uck, l’esercito di liberazione kosovaro che combattè contro i serbi a fine anni Novanta, è infatti accusato dal magistrato di avere sovvenzionato la propria lotta attraverso il traffico d’organi. Organi di serbi, specialmente bambini. L’accusa ha mosso l’Unione Europea a promuovere un’inchiesta ufficiale nel 2008.

Ora al posto della Del Ponte, mandata in Argentina presso l’Ambasciata svizzera –promoveatur ut amoveatur ci verrebbe da dire- c’è Serge Brammertz che fa sapere: “Siamo convinti che il nostro Staff abbia lavorato in modo professionale e all’interno delle regole” facendo inoltre un’importante precisazione: “È menzionata (Carla Del Ponte, ndr.) unicamente perché era a capo dell’ufficio, ma le accuse sono indirizzate agli investigatori e agli avvocati che hanno lavorato per lei”.

Chi è Matteo Zola

Matteo Zola
Giornalista professionista, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso, EastWest, il Giornale e il Dolomiti. E' stato redattore a Narcomafie, mensile su mafia e crimine organizzato internazionale. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015. Ha un master in Giornalismo, e una laurea magistrale in Lettere.

Leggi anche

d0bad0bed180d0b0d0bad181-d0b8d0b7d0b1d0bed180d0bdd0b0-d0bed0b1d0b5d19bd0b0d19ad0b0

SERBIA: Nuovo governo, vecchio programma

Lo scorso 11 agosto è stato formato il nuovo esecutivo di Belgrado. Tuttavia, il programma è uguale a quello precedente e resta da vedere se cambierà l'efficacia del governo nell'affrontare le principali questioni nazionali

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com