Prima pagina / BALCANI / Serbia / Corruzione di testimoni. Sotto accusa Carla del Ponte, colei che portò Milosevic alla sbarra

Corruzione di testimoni. Sotto accusa Carla del Ponte, colei che portò Milosevic alla sbarra

Carla del Ponte è stata procuratore del Tribunale internazionale dell’Aja dal 1999 al 2007, di origini ticinesi ha prima di quella data ricoperto incarichi nella magistratura elevetica di cui è stata procuratore capo. E’ nota per avere portato alla sbarra i criminali di guerra dell’ex-Jugoslavia, tra cui l’ex presidente serbo Milosevic. Carla del Ponte e il suo team sono ora indagati per avere utilizzato metodi poco ortodossi nel reperimento di prove e nell’interrogare i testimoni: pressioni psicologiche, privazione del sonno, minacce, corruzione.

A riferirlo è The Guardian. I giudici del tribunale delle Nazioni Unite contro i crimini di guerra per l’ex Jugoslavia a L’Aia -lo stesso tribunale per cui lei lavorava- hanno ordinato un’inchiesta indipendente sulle pratiche usate sia da Carla Del Ponte, sia dai pubblici ministeri Hildegard Ürtz-Retzlaff e Daniel Saxon, per ottenere informazioni dai testimoni. L’inchiesta è scatatta a seguito delle denunce di alcuni testimoni.

Occorre dire che in questi otto anni Carla del Ponte si è fatta nemici un po’ ovunque, e dalle colonne dei giornali questo s’intuisce bene: c’è chi la difende (pochi) e chi si frega le mani (molti) descrivendone il temperamento iroso e autoritario. C’è chi plaude alla notizia, specie nei Balcani, rammentando le “fallimentari inchieste del procuratore” e il “processo farsa” a Milosevic. Dalla Francia alla Serbia uno stormo di avvoltoi si è lanciato sulla carcassa del magistrato elvetico antipatico soprattutto all’elite kosovara (e a chi la sostiene). L’Uck, l’esercito di liberazione kosovaro che combattè contro i serbi a fine anni Novanta, è infatti accusato dal magistrato di avere sovvenzionato la propria lotta attraverso il traffico d’organi. Organi di serbi, specialmente bambini. L’accusa ha mosso l’Unione Europea a promuovere un’inchiesta ufficiale nel 2008.

Ora al posto della Del Ponte, mandata in Argentina presso l’Ambasciata svizzera –promoveatur ut amoveatur ci verrebbe da dire- c’è Serge Brammertz che fa sapere: “Siamo convinti che il nostro Staff abbia lavorato in modo professionale e all’interno delle regole” facendo inoltre un’importante precisazione: “È menzionata (Carla Del Ponte, ndr.) unicamente perché era a capo dell’ufficio, ma le accuse sono indirizzate agli investigatori e agli avvocati che hanno lavorato per lei”.

Chi è Matteo Zola

Giornalista professionista, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con alcune riviste di politica internazionale. E' stato redattore a Narcomafie, mensile su mafia e crimine organizzato internazionale. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015. Ha un master in Giornalismo, e una laurea magistrale in Lettere.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>