Siria

La guerra in Siria spiegata facile

syrian-civil-war-getty

La guerra in Siria è un conflitto difficile da raccontare e riassumere. Abbiamo tentato di evidenziare i passaggi chiave, gli interessi - mutevoli - e gli equilibri di forze attraverso lo schema della domanda e risposta, seguendo un andamento perlopiù cronologico. L'intenzione è quella di offrire ai lettori un quadro essenziale ma complessivo del conflitto.

Leggi tutto

SIRIA: Assad riconquista Aleppo

SIRIA: Assad riconquista Aleppo

L’esercito di Assad ha riconquistato gli ultimi quartieri occupati dai ribelli e da decine di migliaia di civili. Sulla seconda città del paese sventola soltanto la bandiera a due stelle del regime. Ma sotto le macerie di Aleppo resta sepolta un’altra Siria, che oggi nessuno ricorda più

Leggi tutto

SIRIA: Cosa succederà dopo la caduta di Aleppo?

SIRIA: Cosa succederà dopo la caduta di Aleppo?

La caduta di Aleppo sembra ormai questione di giorni. Il regime di Assad e i suoi alleati hanno riconquistato quasi tutta la parte est, dove una coalizione di milizie ribelli è asserragliata fin dal 2012. La fine della guerra è più vicina? Oppure il groviglio di interessi di Russia, Usa, Iran, Turchia e Israele la faranno proseguire ancora a lungo?

Leggi tutto

DOSSIER SIRIA: Gli interessi della Turchia nella guerra in Siria

DOSSIER SIRIA: Gli interessi della Turchia nella guerra in Siria

Terza puntata del nostro dossier sulla Siria a un anno dall'intervento della Russia. Oggi ci concentriamo sulla Turchia, che dopo aver abbattuto un caccia di Mosca lo scorso novembre sembrava destinata a restare fuori dai giochi. Invece il golpe di luglio, lo scontro col Pkk e un netto cambio di rotta in politica estera hanno portato Ankara a intervenire nella guerra in Siria. Perché? Quali sono i suoi interessi?

Leggi tutto

DOSSIER SIRIA: L’intesa tra Russia e Iran. L’inizio di un’alleanza strategica?

DOSSIER SIRIA: L'intesa tra Russia e Iran non diventerà un'alleanza strategica

Secondo appuntamento con il nostro dossier sulla Siria a un anno dall'intervento russo. Oggi esploriamo le relazioni tra Iran e Russia, che combattono fianco a fianco da anni per difendere il regime di Bashar al-Assad. Qual è lo stato delle relazioni tra Mosca e Teheran? Il loro è un'alleanza stabile oppure un matrimonio d'interesse destinato a incrinarsi a breve?

Leggi tutto

DOSSIER SIRIA: L’intervento russo in Siria visto da Mosca

DOSSIER SIRIA: L'intervento russo in Siria visto da Mosca

È trascorso ormai un anno dall'inizio dell'operazione militare della Russia in Siria, che ha influito profondamente sulle sorti del conflitto e sulle mosse della diplomazia. Con questo articolo inauguriamo il Dossier Siria: 5 approfondimenti sulle potenze coinvolte, i loro interessi e le prospettive future. Iniziamo dalla Russia, con uno sguardo alle implicazioni economiche e politiche dell'appoggio al regime di Bashar al-Assad

Leggi tutto

SIRIA: L’intervento turco e le incertezze di Obama

L'intervento della Turchia in Siria e i capelli bianchi di Obama

Il G20 di Hangzhou è una buona cartina tornasole per capire qualcosa in più dell'intervento della Turchia in Siria. I più agitati sono i membri della coalizione internazionale contro l’Isis, Usa in testa seguiti da Uk e Francia. Mentre la Russia e la Siria di Assad (che, tecnicamente, è stata invasa) si sono limitate a blande dichiarazioni di facciata. Esattamente le reazioni contrarie di quelle che ci si potrebbe aspettare. Qualche indizio per capire il perché

Leggi tutto

SIRIA: La guerra e l’ibis eremita. Intervista al biologo Gianluca Serra

SIRIA: La guerra e l'ibis eremita. Intervista a Gianluca Serra

Palmira, Siria. Lì nidificava l'ultima colonia di ibis eremita di tutto il Medio Oriente. Per 10 anni il biologo conservazionista Gianluca Serra ha tentato di salvare i 7 esemplari che restavano. Poi la guerra, la sua squadra divisa tra regime e ribelli, le difficoltà di proseguire. Tanti i fili che si intrecciano. Serra li racconta in "Salam è tornata", in uscita a settembre per Exòrma

Leggi tutto

SIRIA: L’architettura secondo Khaled Malas, atto di resistenza creativa

L'architettura secondo Khaled Malas: atto di resistenza creativa

Qual è il ruolo di un architetto in tempo di guerra? Se lo domanda il giovane siriano Khaled Malas che vive il proprio mestiere come una missione civile. Le sue opere, presentate nell'ambito di manifestazioni artistiche interazionali quali la Biennale di Venezia di architettura e la Biennale di Marrakesh, uniscono azione diretta, stretta collaborazione con la comunità locale e accurata ricerca storica. Per sopperire da un lato a bisogni primari, e per raccontare dall'altro le dinamiche di potere nel mondo arabo contemporaneo.

Leggi tutto

SIRIA: Gli alawiti scaricano Assad. “Non associateci ai crimini del regime”

SIRIA: La comunità alawita scarica Assad e i crimini del regime

Nel 2011 Assad apre le carceri e libera decine di islamisti e membri di al-Qaeda. Così il regime ha cercato di trasformare la rivoluzione in uno scontro settario e presentarsi come unico baluardo contro il terrorismo. E' la stessa retorica che Assad adotta ancora oggi, 5 anni dopo. Ma adesso la comunità alawita, la sua base di potere, scardina la propaganda di regime con un documento consegnato alla BBC.

Leggi tutto

SIRIA: Cosa significa il cessate il fuoco deciso da Russia e Usa?

GUERRA IN SIRIA: Cosa significa il cessate il fuoco deciso da Russia e Usa?

Ginevra 3, il processo di pace per la Siria, era fallito miseramente solo pochi giorni fa. Adesso Usa e Russia annunciano di avere un accordo: “cessazione delle ostilità” e apertura di corridoi umanitari. Ma è un accordo strano, visto che lascia la Russia libera di continuare a bombardare Aleppo. Cosa significa per la Russia? Come reagiranno le potenze regionali, a partire da Turchia e Arabia Saudita?

Leggi tutto

SIRIA: Altro che pace, inizia l’assedio di Aleppo

SIRIA: Altro che pace, inizia l’assedio di Aleppo | East Journal

Uno stanzone completamente vuoto. I negoziati di pace rinviati a chissà quando. Aleppo quasi accerchiata e sotto assedio. Altri siriani fuggono a decine di migliaia verso la Turchia. In queste settimane il regime di Assad e diversi gruppi ribelli dovevano dare il via al processo di Ginevra 3. Ecco perché non hanno nemmeno iniziato:

Leggi tutto

SIRIA: Tocca alla diplomazia. Ma il fronte dei ribelli è già diviso

syrimg

Qualcuno ha detto che la Siria è “una scacchiera a tre dimensioni, nove giocatori e nessuna regola”. Una definizione che spiega molto bene perché è complicato trovare una soluzione per via diplomatica. Di recente ci ha provato l’Arabia Saudita con un vertice per compattare le litigiose fazioni di opposizione. Fuori dalla porta restano i gruppi più estremisti ma anche i curdi, che hanno organizzato un contro-summit e vanno per la loro strada. Tutti pronti a negoziare con il regime di Assad?

Leggi tutto

Chi combatte in Siria oggi? Un riassunto della situazione

syrian rebel flag

La Siria è un groviglio di milizie, fazioni, coalizioni estemporanee. Difficile seguire i mutamenti di alleanze, comprendere gli orientamenti ideologici e gli obiettivi di ciascuna sigla. Il conflitto iniziato ormai 5 anni fa si è rivelato un vero ginepraio. Ecco quindi una breve e sintetica guida ai gruppi combattenti più importanti attivi oggi in Siria.

Leggi tutto

SIRIA: La jihad caucasica si è spostata in Medio Oriente, facendo un regalo a Mosca

Imarat Kavkaz

SIRIA: In crisi e insidiato dall’ISIS, che vorrebbe rubargli la scena nel Caucaso, per cercare di riaffermare la propria autorità l’Emirato ha deciso di mandare una propria delegazione a combattere in Siria, contro Assad ma anche contro quei guerriglieri caucasici arruolatisi nello Stato Islamico e definiti "traditori". Questa faida interna fa però il gioco della Russia, che così esternalizza il problema del Caucaso portandolo al di fuori dei propri confini

Leggi tutto

SIRIA: La prima vittoria di Assad da quando la Russia combatte al suo fianco

assad

Dopo tre anni finisce l’assedio di Kweires, l’importante base militare vicino Aleppo circondata dall’Isis. È la prima vittoria di spessore per Assad da quando la Russia è scesa in campo. E diventa subito materiale per la propaganda di regime, com’è normale. Ma a guardarla in controluce, la presa di Kweires rivela le crepe del regime e getta qualche dubbio sul rapporto con i vecchi-nuovi alleati di Mosca e Teheran.

Leggi tutto

SIRIA: I ribelli ‘moderati’? Sorpresa, sono i curdi

moderate rebels

Eureka! Gli americani hanno una strategia per la Siria. Se Putin entra a gamba tesa nel conflitto, Obama risponde per vie laterali. Eccoli, i ribelli ‘moderati’ su cui puntare: sono i curdi. Una riverniciata alla coalizione, la parola ‘democrazia’ nel nuovo nome, tanto basta per cancellare mesi di tentennamenti e piani sconclusionati. Ma la posta in gioco è più alta, riguarda il futuro assetto della Siria. E forse ora l’intesa fra Mosca e Washington è più vicina.

Leggi tutto

SIRIA: Benedette bombe. Perché l’intervento della Russia può fallire

Bendette bombe. Perché l'intervento russo in Siria può fallire

Gli spettri dell’Afghanistan, le contromosse di Turchia e del Golfo. E una grossa incognita chiamata Iran. L’intervento russo in Siria è il contrario di come appare: più che una geniale mossa strategica di Putin è una scelta obbligata ma piena di imprevisti. A rischio, in caso di fallimento, le aspirazioni regionali del Cremlino. E non solo. Riuscirà Mosca a costruire quella “Santa Alleanza” di cui ha bisogno per non impantanarsi alla periferia di Damasco?

Leggi tutto

SIRIA: La ‘war on terror’ di Putin. Quali sono gli obiettivi di Mosca?

Russian Prime Minister Vladimir Putin writes as he visits a summer camp run by the Nashi youth group at Lake Seliger in the central Tver region on August 1, 2011. Thousands of young activists from 84 regions of Russia gathered in the camp for the annual forum in Russia. AFP PHOTO / RIA-NOVOSTI / POOL / ALEXEI NIKOLSKY (Photo credit should read ALEXEI NIKOLSKY/AFP/Getty Images)

La Russia sta bombardando quasi tutti i gruppi armati che si oppongono al regime di Bashar al-Assad. Obama non sa che pesci prendere e dichiara che la strategia di Putin per la Siria è un disastro. La Turchia si infuria, i curdi appoggiano il Cremlino se li aiuta nella lotta all’Isis. Con l’intervento militare la Russia ha certamente cambiato le carte in tavola. Quali sono i suoi obiettivi?

Leggi tutto

SIRIA: Palmira prima dell’Isis

IMG_5558-2-2

Dal maggio scorso la città siriana di Palmira è caduta nelle mani dei miliziani dell'Isis. Alla tragedia della popolazione civile si aggiunge il dramma della devastazione di uno dei più affascinanti siti archeologici del mondo. Il reportage fotografico e il racconto del viaggio compiuto dal nostro Luca Vasconi, prima che avesse inizio la guerra in Siria, nella città che per la sua bellezza e il suo glorioso passato si guadagnò il soprannome di "Venezia di sabbia".

Leggi tutto

SIRIA: La Russia inizia i bombardamenti. Contro i ribelli, non contro l’Isis

SIRIA: E' iniziato l'intervento russo in Siria

Dopo settimane di preparativi i caccia russi si alzano in volo nei cieli della Siria. Ufficialmente per combattere l’Isis, ma i primi bombardamenti hanno colpito solo i ribelli. Le bombe sono cadute nelle campagne attorno a Homs e Hama, proprio dove i ribelli stanno mettendo in difficoltà il regime di Assad. E dove l’Isis non è mai arrivato. Quali sono le intenzioni di Mosca? Come reagiranno gli Stati Uniti e i suoi alleati?

Leggi tutto

SIRIA: Parigi bombarda l’Isis. All’Onu “si ammorbidisce” il fronte anti-Assad

mirage_france

La Francia ha bombardato un campo di addestramento dell'Isis nella Siria orientale perché metteva a repentaglio la sicurezza nazionale. L'annuncio dell'Eliseo questa mattina. Secondo fonti del New York Times il numero dei foreign fighters in Siria e Iraq sarebbe raddoppiato nel corso dell'ultimo anno. Intanto al Palazzo di Vetro le trattative sulla crisi siriana continuano, il fronte anti Assad potrebbe "ammorbidirsi".

Leggi tutto

SIRIA: Abusi di potere e processi sommari. Amnesty accusa i curdi

pyd hrw

Amnesty contro i curdi siriani. Nel mirino della ong finisce il PYD, il partito curdo che controlla buona parte del nord della Siria. Le accuse sono pesanti: oppositori politici zittiti con la scusa della lotta al terrorismo, arresti fuori dai confini della legalità, processi senza prove né avvocati per la difesa. Viene colpito anche chi con la politica non c’entra nulla. Casi isolati o strategia politica?

Leggi tutto

SIRIA: La Francia decide di bombardare l’Isis. Ma i rifugiati siriani non c’entrano (quasi) nulla

Secondo Hollande è lo Stato Islamico che fa fuggire coi suoi massacri migliaia di famiglie dalla Siria. Il presidente francese ha giustificato così la decisione di mandare i caccia in Siria per colpire il Califfato. La mossa di Parigi, però, ha poco a che vedere con le migliaia di profughi siriani che in queste settimane tentano di superare le frontiere d’Europa. Con i raid aerei l’Eliseo vuole colpire chi pianifica attentati da compiere in Francia.

Leggi tutto

SIRIA: La Russia è pronta a intervenire sul campo a sostegno di Assad

ej_putin syria

Nelle ultime settimane si sono moltiplicate le voci di un coinvolgimento militare diretto della Russia al fianco di Assad. Manca la prova definitiva, ma gli indizi abbondano. A partire da un filmato trasmesso dalla tv siriana dove si sente una conversazione in russo fra i militari al fronte. E Putin si limita a una mezza smentita: l'intervento russo potrebbe avvenire nel prossimo futuro.

Leggi tutto

SIRIA: Urge un “deus ex machina”

mappa

Dopo quattro anni esatti di conflitto, la situazione siriana risulta quanto mai complessa e, di mese in mese, gli esiti della crisi si fanno via via più imprevedibili e le prospettive di una soluzione sembrano essere sempre più remote. Le prime manifestazioni che si verificano a Darʿā –cittadina del sud ...

Leggi tutto

SIRIA: La nuova offensiva di Assad e la protesta dei bambini

Douma

Nelle ultime tre settimane, a seguito dell’attacco da parte di un gruppo d’opposizione filo-islamico (Ǧaysh Al-Islam), che ha lanciato razzi nel cuore della capitale, il regime ha scatenato una violenta offensiva a colpi di artiglieria e bombardamenti aerei in varie zone della Siria controllate dall’opposizione: Aleppo, la più grande città ...

Leggi tutto

TURCHIA: Erdogan non interviene in difesa di Kobane e nel paese si riaccende la questione curda

Luca Vasconi

Nell’estate del 1944 i polacchi si ribellarono contro l’invasore nazista. Per due mesi lottarono strenuamente con lo scopo di liberare Varsavia prima dell’arrivo dell’esercito russo, giunto ormai alle porte della capitale dopo le vittorie sul fronte orientale. L’insurrezione fallì. La città fu completamente rasa al suolo per volere di Hitler. ...

Leggi tutto

I curdi muoiono. I turchi stanno a guardare

turkish-army-tanks-kobane

Non moriranno soldati americani per difendere Kobane, non ci sarà alcun intervento turco in aiuto dei curdi impegnati nella lotta di resistenza contro le armate dell’ISIS, Queste le parole che arrivano da Washington e Ankara, per bocca del Segretario di Stato americano, John Kerry, e del presidente turco Erdogan. La ...

Leggi tutto

ALBANIA: La paura delle armi chimiche siriane

20131109-185100

Da diversi giorni in Albania vi è un motivo di preoccupazione: la notizia proveniente dalla Russia (ma non ancora ufficiale) che nel paese verranno smantellate le armi chimiche della Siria. Secondo la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite l’arsenale chimico siriano dovrebbe essere rimosso rapidamente dalla Siria e ...

Leggi tutto

DAGHESTAN: Estremisti in Siria coi ribelli? Si annuncia una stretta sui passaporti

http://www.flickr.com/photos/bolshakov/1362716656/in/set-72157601553118609

Il Daghestan, repubblica autonoma delle Federazione Russa ha, dal 22 luglio scorso, un nuovo capo del governo, anche lui, però, come il presidente Ramazan Abdulatipov, solo in qualità di incaricato pro-tempore. Si tratta di Anatolij Karibov, già vicepremier. Abdulatipov ha accusato il precedente governo di “inefficienza”.Due giorni prima, il 19 ...

Leggi tutto

RUSSIA: Missili Jakhont per Assad

Yakhont_JNO_wikicommons

Allarme per un’iniziativa di Mosca in appoggio al regime di Bashar al-Assad in Siria. La Russia ha infatti recentemente consegnato al governo siriano un carico di missili anti-nave avanzatissimi, che gli esperti definiscono come i “killer delle navi”. È quanto hanno riferito alcune fonti ufficiali statunitensi, a condizione di anonimato, ...

Leggi tutto

Le elezioni americane e il conflitto siriano

l43-bandiera-siria-manifestante-110904123513_medium

Si sa che un presidente in guerra lo si vota più volentieri, è sempre stato così negli Stati Uniti d’America che il 6 novembre prossimo torneranno alle urne per eleggere l’inquilino della Casa Bianca. Come tutti sappiamo, Barack Obama si trova a sfidare Mitt Romney, e sono due americhe a ...

Leggi tutto

SIRIA: Kofi getta la spugna con gran dignità

kofi-annan

Kofi Annan, inviato speciale delle Nazioni Unite in Siria, lascia il suo incarico. Ad accogliere la notizia solo il silenzio estivo e qualche bomba ad Aleppo. Proprio nel bel mezzo del pasticcio siriano Kofi Annan getta la spugna suggellando così il fallimento suo e dell’istituzione che rappresenta. Un fallimento, quello ...

Leggi tutto
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com