POLONIA: Lublino, una casa per i profughi ucraini del Donbass

Lublino Cafebabel

Il flusso migratorio in Ucraina è cambiato decisamente dal 2014, quando la Crimea fu annessa dalla Federazione Russa e scoppiò la guerra nel Donbass. Il risultato è stato che un gran numero di ucraini dalle regioni dell’est e del sud del paese si sono messi in viaggio alla ricerca di lavoro in Polonia. Il loro numero è aumentato dal 6 al 20 per cento, cambiando le rotte migratorie da est a ovest. In Russia, dove molti migranti ucraini andavano a cercare lavoro prima del 2013, il numero dei migranti ucraini è calato di oltre un terzo. L’accesso al territorio dell’UE senza visto dal 2017 ha ulteriormente facilitato questo flusso.

“Ero solito andare in Russia per lavorare, perché era più semplice. Lì lavoravo da mio fratello. Adesso non voglio andarci più. La strada è diventata troppo difficile da quando la Russia ha fermato il traffico ferroviario dall’Ucraina. E poi non voglio che si sospetti di me”, spiega uno dei passeggeri sul bus da Kiev a Varsavia. Lui è originario della regione di Kiev e con un suo amico di Odessa sta andando per la prima volta in Polonia a cercare lavoro. I due uomini sulla trentina tengono stretti nelle loro mani dei raccoglitori trasparenti che contengono i beni probabilmente più importanti delle loro vite: i loro passaporti e gli inviti per lavorare legalmente.

Il tragitto in bus attraverso la Polonia è abbastanza lungo e stancante. Nonostante di recente siano stati entrate in servizio nuove tratte ferroviarie e aeree – low-cost – tra la Polonia e l’Ucraina, molti migranti e studenti preferiscono ancora usare i bus. A dozzine con pochi sedili liberi lasciano Kiev per la Polonia ogni giorno e durante il viaggio altri passeggeri salgono a bordo.

Il bus lascia Kiev nel pomeriggio e raggiunge il confine dopo il tramonto. Durante il viaggio i passeggeri provano a dormire consci che si troveranno ad affrontare pesanti controlli al loro ingresso in Polonia. Questa volta i controlli di frontiera richiedono 5 ore; è una notte senza riposo. Le guardie di frontiera polacche controllano meticolosamente ogni passaporto e chiedono a ciascuno se abbiano sufficienti risorse finanziarie. Controllano anche i bagagli alla ricerca di beni di contrabbando come vodka e sigarette. Le guardie di frontiera sul lato polacco del confine operano duramente, gridando ai passeggeri e tenendoli chiusi in un piccolo ufficio doganale finché perquisiscono il bus. I passeggeri si lamentano fra loro, ma nessuno si permette di rispondere alle guardie per paura di vedersi negare l’accesso la volta successiva.

Lublino è la prima fermata dopo il confine, dove una larga parte dei passeggeri scende. La città è la seconda della regione della Piccola Polonia con circa 350000 abitanti. Scendendo dal bus e guardando al di là della stazione c’è una grande cattedrale ortodossa. Dietro a questa ci sono Piazza Taras Shevchenko, la rotonda Mohyla e via Lwowska, luoghi che testimoniano una toponomastica ucraina. Lublino è stata un centro multiculturale per molto tempo e la popolazione di origine ucraina è parte della comunità locale da molto tempo.

All’inizio degli anni novanta i migranti economici dall’ovest dell’Ucraina arrivarono in gran numero a Lublino e in Polonia. I nuovi arrivati vendevano i loro prodotti nei mercati locali. Dieci anni dopo sono ancora lì, ma Lublino è nel frattempo diventata anche un centro intellettuale e culturale di cooperazione tra i due stati. La comunità ucraina locale a Lublino preserva e promuove le tradizioni nazionali, linguistiche e storiche. Da quando è scoppiata la guerra in Ucraina, Lublino si è aperta anche alla cooperazione militare. È ora la base di un brigata militare mista lettone, polacca e ucraina.

Prima del 2013 la maggioranza dei migranti che attraversavano il confine tra Polonia e Ucraina erano lavoratori stagionali. Ora i migranti alla ricerca di un lavoro permanente sono in crescita. Molti di loro cercano un’occupazione fissa anche in città polacche più a ovest, specialmente nella capitale, Varsavia.

 

Quest’articolo è parte del progetto Borderline, realizzato da Café Babel. Potete trovare il testo integrale a questo link.

Chi è redazione

redazione
East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

STORIA: Gli scioperi del 1970 e il massacro degli operai in Polonia

Il 17 dicembre 1970 un'azione militare reprime nel sangue gli scioperi dei lavoratori dei cantieri navali di Gdynia, decretando la fine della stagione riformista avviata nel 1956. Tuttavia, la mattanza consegnerà ai lavoratori una fondamentale vittoria politica e una simbolica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com