BOSNIA: I primi risultati delle elezioni generali

Ieri, domenica 7 ottobre, si sono svolte le elezioni presidenziali e parlamentari in Bosnia-Erzegovina, a seguito di una campagna elettorale divisiva e ricca di tensioni.

I primi dati riguardanti la presidenza tripartita sono stati comunicati verso mezzanotte dalla Commissione elettorale centrale sulla base del 45% dei voti. Per il seggio bosgnacco Sefik Dzaferoric ha vinto con il 38% delle preferenze, per quello serbo Milorad Dodik con il 55%, mentre Zeljko Komsic si aggiudica il seggio croato con il 45% dei voti.
Come previsto dal sistema degli Accordi di pace di Dayton del 1995, i tre presidenti sono eletti per un mandato di quattro anni e si ruoteranno per otto mesi secondo il principio primus inter pares.

Si rinnovavano anche il parlamento centrale, quelli delle due entità in cui è suddivisa la Bosnia (Federazione di Bosnia-Erzegovina e Republika Srpska), così come la presidenza della Republika Srpska, occupata fino a ieri dallo stesso Dodik. Secondo i dati preliminari, la candidata del partito di Dodik, Zeljka Cvijanovic, sarebbe in vantaggio con il 47% delle preferenze sullo sfidante Vukota Govedarica, fermo al 42%.

L’affluenza complessiva si è attestata al 53,26%. Complessivamente si registra quindi una lieve flessione rispetto alla tornata precedente, quando la percentuale era stata del 54,47%. In controtendenza sono i dati riguardanti la Republika Srpska, dove si è registrata una partecipazione del 57%, mentre in Federazione si è fermata al 51%.

La Commissione ha fatto sapere che i dati definitivi per la presidenza della Republika Srpska e per le altre cariche saranno comunicati nella giornata di oggi. Oltre ai tre presidenti, si eleggevano altre 515 cariche, 42 delle quali riguardano i seggi del parlamento centrale. Nella Federazione, 98 seggi del parlamento devono essere eletti e in ciascuna delle 10 assemblee cantonali ci sono un numero di seggi vacanti variabile tra i 21 e i 35. Infine, nella Repubblica Srpska, oltre alle cariche di presidente e dei vice-presidenti, devono essere nominati gli 83 seggi dell’assemblea.

Immagine: The Srpska Times

Chi è Leonardo Scanavino

Leonardo Scanavino
Studente di Scienze Internazionali, dello Sviluppo e della Cooperazione presso l'Università degli Studi di Torino, fortemente appassionato di politica e sviluppo economico nello spazio post-sovietico. Vice-Segretario di MSOI Torino (sezione torinese del network delle UN Youth Associations) si occupa anche di coordinare la sezione "Russia e Balcani" di "MSOIthePost" (settimanale di affari internazionali di MSOI). Parla inglese, francese e studia russo. Ha frequentato un semestre di studio presso la Latvijas Universitāte (Riga, Lettonia), ed in precedenza ha frequentato un corso di Russo presso МГЛУ (Università Statale Linguistica di Minsk).

Leggi anche

Sehić

BOSNIA: Intervista al poeta-soldato Faruk Sehić

Abbiamo intervistato Faruk Sehić, poeta bosniaco che ha pubblicato da poco il suo ultimo lavoro. Uno sguardo sul passato, il presente e il futuro del suo paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com