ROMANIA: Alleanza politica trasversale contro gli omosessuali

L’11 settembre il Parlamento romeno ha deciso che a ottobre (con ogni probabilità il 7) si terrà un referendum volto alla modifica della Costituzione in quel che concerne la definizione di “famiglia”. Attualmente la Carta definisce “famiglia” l’unione tra due sposi, senza alcun riferimento al loro sesso. La proposta di cambiamento, fortemente caldeggiata dal partito social-democratico (PSD), ma sostenuta anche dal principale partito di opposizione, il partito nazional liberale (PNL), mira invece a ridefinire la famiglia come unione di un uomo e di una donna.

Maggioranza e opposizione unite

I leader di PSD e PNL, nonostante le ataviche, e spesso violente, divergenze politiche, si sono incontrati sul terreno della difesa della cosiddetta famiglia tradizionale. Il mondo LGBT romeno, sebbene negli ultimi anni si sia mostrato sempre più vivace e attivo, è completamente privo di qualsivoglia sponda parlamentare. Soltanto in 13 hanno votato contro la modifica della Costituzione. Troppo pochi per poter costituire un efficace strumento di dialettica politica. Il leader del PSD Liviu Dragnea ha dichiarato in un post su Facebook che “non sarà un voto contro qualcuno in particolare. Sarà un voto per stabilire il tipo di società nella quale desideriamo vivere. Io voterò senza esitazione a favore della famiglia, nel suo senso tradizionale, perché secondo me i valori tradizionali rappresentano le radici di una nazione”. A un osservatore occidentale poco avvezzo alla quotidianità romena la posizione dei socialisti può sembrare un paradosso. Il PSD in realtà incarna i sentimenti più conservatori e atavici della cultura politica romena; erede del tradizionale conservatorismo comunista in tema di diritti civili, specialmente negli ultimi anni si è mostrato chiuso a ogni tipo di compromesso con l’universo LGBT.

Il peso della Chiesa ortodossa

Il ruolo giocato dalla Chiesa ortodossa nello spingere al cambiamento costituzionale non è sicuramente trascurabile. L’attuale patriarca Daniel ha più volte usato parole dure contro il mondo gay, venendo quasi sempre spalleggiato dalla politica. Il rapporto tra istituzioni ecclesiastiche e politica è spesso simbiotico. La Romania è il paese europeo con il più alto numero di nuove chiese costruite in un anno. Recentemente il comune di Bucarest ha stanziato altri 10 milioni di euro per la continuazione dei lavori della nuova cattedrale della città, la cosiddetta Catedrala Mantuirii Neamului (cattedrale della salvezza del popolo). Anche a Cluj, da anni è in costruzione la nuova grande cattedrale greco-cattolica, a pochi passi da quella ortodossa di piata Avram Iancu, edificata negli anni ’30.

Esiti incerti

Prevedere i risultati del referendum è complesso. Molto dipenderà dall’affluenza e dalle capacità dei partiti di mobilizzare i propri sostenitori. Certo è che se il PSD deciderà di smuovere il suo potentissimo apparato locale, una vittoria del NO alla modifica costituzionale sembra impossibile. Il mondo delle campagne e dei piccoli centri, che poi è quello che determina ogni tornata elettorale, resta profondamente conservatore. Cosa potrebbe cambiare la situazione? Politicizzare il referendum e trasformarlo in una crociata anti PSD darebbe sicuramente più linfa alle possibilità del NO. Così come una presa di posizione del presidente della Repubblica Klaus Iohannis, da sempre piuttosto moderato nei confronti delle minoranze, di certo gioverebbe alla causa. Resta da capire se Iohannis avrà il coraggio di esporsi così tanto, su un terreno talmente scivoloso, a pochi mesi dalle presidenziali; si tratterebbe di una mossa, infatti, che potrebbe rivelarsi politicamente suicida. 

foto: coalitiepentrufamilie.ro

 

Chi è Francesco Magno

Author Image
Dottorando presso l'università di Trento con un progetto sulle politiche nazionalizzatrici dei governi romeni nel periodo interbellico. Laureato in storia contemporanea presso l'università di Padova con una tesi sulle epurazioni del regime comunista romeno nel mondo delle libere professioni. Si occupa da anni di Romania, paese dove ha trascorso diversi soggiorni di studio e ricerca, con particolare attenzione al nazionalismo romeno e alle politiche di nazionalizzazione in aree di frontiera.

Leggi anche

ROMANIA: Fallito il referendum contro i matrimoni omosessuali

Il referendum che, cambiando la definizione di famiglia nella Costituzione, avrebbe dovuto impedire i matrimoni tra persone dello stesso sesso è clamorosamente fallito. Durissimo colpo per il governo.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com